avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


domenica 8 gennaio 2017

Sugli ordinatori temporali: l'agenda


Le agende hanno sempre esercitato un certo fascino su di me. Forse in quanto strumenti che presumono di aiutarmi nel vano tentativo di dominare il tempo. 

Ne faccio sempre una scorta ad inizio anno scolastico e ad inizio anno solare col proposito di ordinare gli eventi, di progettare  il da farsi. Ma tanto così non va alla fine. Tolte le prime settimane, frequentate assiduamente, le altre vengono incise ad intermittenza. Non me ne privo però, anche a conclusione di anno, soprattutto se sono tematiche. Le considero elementi tangibili di uno spessore temporale che mi evoca eventi, vissuti, atmosfere.  

Alla fine diventano raccoglitori tematici di appunti, per i vari progetti extracurricolari che svolgo: cura del sito, invalsi, compilazione di giudizi degli alunni, e poi mi dispiace pure disfarmene.

Per l'anno solare appena iniziato ho una moleskine donatami da mio figlio al mio compleanno( fine novembre) di un bell'arancio mattone, ma ho iniziato a farne un uso diverso.
Non annoto il da farsi, ma quello che di significativo o utile ritengo di aver realizzato. Anche fatti di ordinaria amministrazione. Ho un nuovo bisogno di lasciare traccia del mio agire, quasi a contrastare il vacuo fluire del tempo, ma soprattutto voglio contrastare con ciò l'essere dominata dal lavoro e travolta dallo stress che mi impediscono di svolgere anche quelle piccole incombenze che contribuiscono al mio benessere mentale.

Le pagine vuote mi grideranno che la giornata non è stata abbastanza incisiva.

Ringrazio Chicchina Acquadifuoco che mi ha suscitato queste riflessioni, ho rielaborato in verità il mio commento ad un suo post di inizio d'anno a tema.

9 commenti:

  1. Da domani si riprende,la scuola,il lavoro,ed anche per una pensionata inattiva come me qualcosa da fare c'è sempre,almeno pagare le bollette che non mancano mai.Non ho ancora l'agenda,non sono passata dalla banca:mi riservano una al femminile:fiori ricette consigli,bricolage.Accetto,ma andrebbe bene anche al maschile.Ci scriverò,come al solito sulle prime pagine,poi userò anch'io le pagine bianche per altro.A te buon lavoro e buona programmazione.Ne farai buon uso,ne sono sicura.A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho ripreso Chicchina. Solo tre giorni, 12, 13 e 14 per emergenza neve. Poi neppure lunedì 16, 17, 18 ... fino al 21 /sabato). Io fino a al 23, giorno libero, per esondazione del fiume Pescara e per emergenza terremoto. Scriverò sull'agenda qualcosa d'altro: la gratitudine per le cose che ho, anche quelle più semplici cé nulla è scontato. Parli di un'agenda che sono riuscita ad avere anch'io per anni, o almeno me la ricordi, "Casa serena" distribuita dalla Cassa del risparmio. Grazie dell'augurio, spero di farne un uso buono che mi aiuti a fare meglio. Alla prossima!

      Elimina
  2. Ciao Graziana, anch'io adoro le agende e quest'anno me ne sono regalata una moleskine arancione.
    In genere ci scrivo tutto e di più visto che se non scrivo dimentico.
    Buttarle, no, però. Mai!
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sìììì!!!! Anch'io Moleskine arancione, come quella nella foto. Bene, almeno tu ne fai l'uso per cui è preposta. A presto!!!

      Elimina
    2. Mi piacerebbe non averne bisogno ma la memoria .... 😆
      Ciao!

      Elimina
  3. Abbiamo la stessa passione. Quando ancora andavo a scuola riempivo pagine di agende e quadernetti di appunti; ogni anno modificavo la scelta e la tecnica di registrazione. Ora che sono in pensione continuo , a volte la mitica moleskine, a volte smemoranda...
    E le conservo tutte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello. Il cartaceo ha un odore capace di evocare atmosfere da brivido. Come ti capisco. grazie Sandra. A presto risentirci.

      Elimina
  4. Salut,à un certain moment l agenda servira à griffonné tout et n importe quoi c est mon cas.
    Bonne journée.
    A +.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo griffoner tout e n'importe qoi ... Tipico di uno spirito libero!

      Elimina