avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


giovedì 10 settembre 2009

Non amo il "plurale maiestatis"

Da Wikipedia
"Il plurale maiestatis o plurale maiestatico (dal latino pluralis maiestatis, plurale di maestà) è, nella lingua parlata o scritta, il riferirsi a sé stessa della persona che parla o scrive, usando la prima persona plurale anziché singolare.

Quest'uso, già diffuso nell'antica Roma (è per esempio la forma principale usata nelle opere autobiografiche di Marco Tullio Cicerone), è rimasto nella tradizione di molti paesi come modo d'espressione formale soprattutto di sovrani e papi (da cui il nome "maiestatico"), in quanto adatto all'immagine istituzionale, e quindi anche astratta e corale, associata a questi ruoli.

Oggi il plurale maiestatis ha perso quasi ovunque la sua valenza formale (fu Papa Giovanni Paolo I a mettere fine al suo uso nella Chiesa cattolica nei discorsi pubblici, anche se esso è tutt'ora in uso negli scritti ufficiali in lingua latina) e rimane soprattutto come espediente retorico (non raramente con intenti umoristici o ironici)."

Aggiungo, e ciò è esplicitato anche dalle virgolette del titolo del post, che il parlare in prima persona plurale (noi) anziché in prima persona (io), oggi, nel parlato quotidiano e nel parlato-scritto, tipico degli ambienti di rete, non ha nulla a che fare con l' uso originario (il noi riferito solo a me che parlo)..

E' un' abitudine, forse neppure tanto consapevole, che nasconde la tendenza a non volersi esporre in prima persona, in quanto il contenuto del parlato è troppo forte per assumersene da soli la piena responsabilità; è come se dicesse subvocalmente:

-Guarda che non sono il solo a pensarlo; io sono un semplice portavoce che condivide questo pensiero

-Non te la prendere con me, non lo dico solo io...

- Oppure, questo è il top, io lo dico, ma sarete tu ed altri a farlo.

Qualche volta si fa con fini ironici o umoristici, come recita wikipedia, ma in ogni caso, quel sentirmi coinvolta senza condivisione, volutamente o involontariamente, semplicemente mi disturba un po'..

Papa Luciani, il papa del sorriso, dopo il conclave che lo elesse, pubblicamente ebbe a dire:
-Ieri mi sono recato alla cappella Sistina tranquillamente, come un curato di campagna...-abrogando la regola del "noi" usata e abusata fino ad allora e forse , con questa frase iniziale entrò nel cuore di tutti.

Io uso sempre la prima persona a ribadire che io dico ciò che penso io, e che penso quello che dico io.

Superfluo? Semplice? Scontato?

Eppure quando lo faccio notare, nel modo più pacato possibile, noto irrigidimenti senso di offesa e disappunti, senza riletterci almeno un po', con la stessa pacatezza e tranquillità...

Nessun commento:

Posta un commento