avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


sabato 22 gennaio 2011

Lo studio migliora la vita



Secondo Luigi Berlinguer, investire sull' istruzione significa elevare la posizione del Paese.
E' il pensiero di chi sa guardare lontano ... Molti invece si accontentano di osservare il dito indice piuttosto che l' astro luminoso che esso indica ...

18 commenti:

  1. Che bello se così fosse...
    La cronaca ci ragguaglia su ben altri metodi per "migliorare la vita".
    Almeno dal punto di vista economico.
    Il vero motore del mondo.
    Un sorriso e un saluto a te.

    RispondiElimina
  2. Grazie carissima. Un sorriso anche a te... E speriamo nel meglio :)

    RispondiElimina
  3. Lo studio aiuta anche a ragionare con la propria testa e non accettare lo schifo di società che ci ritroviamo.
    Purtroppo Berlinguer non ha considerato escort, veline, calciatori, e.... ministri e ministre che guadagnano tantissimo senza aver studiato!!!!
    E' ora che ci sia una svolta nel senso giusto!!
    Buona serata

    RispondiElimina
  4. Buona giornata a te, considerata l'ora ...
    E' verissimo quello che dici; tocchi la nota dolente del pessimo "spettacolo" che ci viene offerto dal mondo politico, sportivo e "squisitamente" televisivo.

    Berlinguer tocca solo i tagli della spesa pubblica per l' istruzione, e le conseguenze sull' impatto lavorativo.
    Ma,come giustamente dici tu, avremo un popolo che si accontenterà acriticamente di quello che ci viene offerto..

    RispondiElimina
  5. @intherainbow
    grazie per essere tra le mie pagine!!

    RispondiElimina
  6. Investire nell'istruzione è investire nel futuro. E' strabiliante la "fantasia" che hanno quelli che riescono ad affermanre che non stiamo ipotecando il futuro dei nostri figli e quindi del nostro paese.
    Buona settimana.

    RispondiElimina
  7. Non basta solo dire, bisogna fare. Bisogna studiare, bisogna dare la possibilità all'istruzione di esistere, vivere e dare.

    RispondiElimina
  8. @Emanuela @ Occhi di Notte

    Eppure la scuola, fin dalle sue lontane origini, ha perseguito finalità formative relative al contesto temporale.
    Ora purtroppo siamo già tornati a 40 anni fa.

    RispondiElimina
  9. Non sono i soldi che danno o fanno l'istruzione

    RispondiElimina
  10. Verissimo, sono solo mezzi,e i mezzi da soli non danno né fanno istruzione; ma essi sono importanti ahimé ... Non si può attraversare l' oceano a nuoto ... ci vogliono solide e adeguate imbarcazioni.

    Così come la cuoca più esperta e volenterosa non riuscirebbe a fare le nozze con i soli funghi ...

    Non mi è possibile esaurire l' argomento con un commento ... A presto un post ad hoc e fuor di metafora.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  11. quoto il commento di intheraimbow:pienamente d'accordo con lei.

    RispondiElimina
  12. rosso vermiglio@
    esprimo condivisione anche a te;
    aggiungo che alla base comunque c' è non formazione, infatti l' audience di certi spettacoli purtroppo rimane alto ...

    RispondiElimina
  13. Anche non essendo stata a suo tempo molto entusiasta della riforma che porta il suo nome, condivido l'idea di fondo del tuo post ispirata da L. Berlinguer, anche se al giorno d'oggi non va più di moda.

    RispondiElimina
  14. @Luigina
    Peccato che non vada di moda, anche se, investire sull' istruzione non dovrebbe essere una moda, ma per l' appunto, un investimento produttivo.

    Senza considerare necessariamente l' occupabilità, la scuola sta diventando un luogo in cui si agisce in termini economici e non educativi; e i primi a pagarne le spese sono proprio i bambini ...

    RispondiElimina
  15. Per me il problema dello studio è lo studio stesso: ovvero, ci fanno studiare cose inutili ma comunemente accettate. Sono utili solo in quanto si è deciso che lo siano. Ho visto dei test ministeriali di cultura generale che sono nozionismo puro. Chi è il presidente della repubblica? E se uno non vota da venti anni, e non ritiene che sia importante chi viene portato da Lorsignori a ricoprire la carica? E se non so come si chiama il Presidente della regione Lombardia? O che provincia fa Sondrio in quanto mi trovo a 1600 km di distanza, in Sicilia?

    Domande come: "quante ore di sonno ha bisogno una persona", non le ho mai trovate. Chi erano i cantori alla corte di Federico II di Svevia sarebbe una belle domanda per un siciliano, poniamo. No, devo conoscere "Storia della colonna infame" in Lombardia. Deve conoscere una storia non sua. Modellarsi ad immagine di altri.

    L'istruzione è un disastro in quanto non insegna il sapere utile, ma quello comunemente accettato, che poi sia ben retribuita o meno, ha creato un dissociato, che ritiene importanti le cose che sa solo perchè altri dicono che lo sia. Mio padre sa fare il pane, costruire, riparare. Io sono laureato. Lui gioisce di quello che sa. Io spero che a qualcuno importi qualcosa di quello che so io.

    Se mio padre va all'estero, la sua istruzione rimane valida, non viene decurtata dal cambio culturale. Se ci vado io, hai voglia di conoscere bene la geografia, storia, politica italica!!!

    RispondiElimina
  16. @Exodus
    E'' troppo importante la questione che poni; ti rispondo con un post a breve.

    RispondiElimina
  17. La "conoscenza"..un bene secondo solo alla "salute"...
    ne avranno coscienza coloro che son posti a decidere per il futuro del nostro paese?...sereno iniziar del giorno Graziana..
    dandelìon

    RispondiElimina
  18. La vedo dura cara Dendalìon, ma io spero sempre, ottimisticamente :)

    RispondiElimina