avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


martedì 5 gennaio 2016

16.09.2015

"CARISSIMA MAESTRA GRAZIANA,

all'inizio di questa nuova avventura al servizio dei piccoli, le arrivi il nostro grazie per il bellissimo percorso di crescita al fianco di nostro figlio.

Grazie per gli insegnamenti didattici e non, per le gite, le recite, gli abbracci di consolazione, i sorrisi di incoraggiamento, le battute "tiramisu" ...

.... E soprattutto grazie per averlo fatto con passione e con amore!

AUGURI PER QUESTO NUOVO INIZIO!

M, L, S e LR" (i componenti della famiglia)

Questa lettera accompagnava un mazzo di girasoli pervenuto in classe il secondo giorno di scuola del corrente anno scolastico. Ritrovo il foglio nella cartellina dei documenti accumulati in questa prima parte dell'anno. Il biglietto continuerà a vivere tra le mie agende, libri, tutto il cartaceo che consulterò, ma voglio affidarlo a questi bit che sono per me i garanti della conservazione, i custodi delle cose importanti. E poi mi piace condividere questo momento di intima gratificazione ...

Non tutti i genitori esprimono a note così chiare il senso di gratitudine, e ancora, non tutti lo provano, se non col senno di poi; molti salutano con un largo sorriso, qualcuno con gli occhi lucidi, qualcun altro con senso di 'doveroso' rispetto. E' bellissima la diversità  ed io sono massimamente grata a tutti i genitori per avermi affidato i loro figli per 5 anni. e gli alunni?? Ora vengono a bussare alla finestra perché il bidello un po' burbero e ligio non li lascia entrare, e giù saluti, racconti dei successi scolastici ...
Col tempo saranno adolescenti e saluteranno un po' intimiditi, molto presi dalla loro nuova vita, quasi imbarazzati a mostrare i loro cambiamenti. Ma la maestra non ne dimentica uno: viso,caratteristiche, nome e cognome ... E tutti li porta nel cuore.

24 commenti:

  1. Vale anche il reciproco: si dimenticano le maestrine dell'asilo, i professori delle medie e delle superiori, i docenti universitari ... ma chissà per quale motivo nessuno dimentica la "Maestra" (che per me era un Maestro) delle elementari.
    Con il tempo ci rendiamo conto che eravamo piccole grandi spugne affidate a loro nel momento di massima assorbenza.
    Grazie Maestra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "piccole grandi spugne": in questo sta la nostra grande e non facile responsabilità. Volontariamente o no si incide sulla sfera valoriale. Grazie Folletto, mi commuovi.

      Elimina
  2. "La maestra non ne dimentica uno", verità assoluta...

    E com'è dolce la riconoscenza degli alunni, divenuti adulti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, anche quella capita. Parli per esperienza, vero Gianna?

      Elimina
  3. Un abbraccio per augurarti un buon 2016!
    Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Beatris. Buona Epifania a te.

      Elimina
  4. Questa sì che è una bella gratificazione! Meritata senz'altro e che resterà nei ricordi più belli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Ambra, ogni volta è un'ondata di emozione.

      Elimina
  5. Il mestiere della maestra e del maestro è uno dei più belli del mondo e tu devi essere proprio brava. Io sono stat una mamma di quelle che si commuoveva, provava gratitudine e ringraziava con le letterine. Buonissimo 2016!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo carissima, logorante in quanto terribilmente assorbente; ma decisamente bello.
      Grazie delle tue parole :-)
      Anche tu persona sensibile e delicata, oltre che brava madre. Buon Anno e Buona Epifania a te!

      Elimina
  6. Mio figlio,che ha 29 anni, va a trovare ancora adesso le sue maestre a casa, visto che sono in pensione!!
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissime saranno state le colleghe e bravissimo tuo figlio. Non sai che piacere per le sue maestre.

      Elimina
  7. Sono soddisfazioni dopo tanti anni di servizio.
    Sereno anno nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cavaliere del tuo riscontro. Buona serata.

      Elimina
  8. Indubbiamente le emozioni più belle complimenti.
    Cara Graziana tu meriti davvero.
    Il mio abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maurizio. Faccio anch'io i miei errori; non è sempre facile dosare il rimprovero, il richiamo. Siamo esseri umani. Spero solo che si comprenda e che si benefici della passione e delle buone intenzioni. Abbraccio anche per te.

      Elimina
  9. ho quattro figli e ancora piango quando termina "un ciclo". Ho avuto esperienze diverse in questi anni anche perchè tra di loro hanno dai 3 ai sei anni di differenza e le cose sono cambiate. Ora la scuola utilizza il registro elettronico e i gruppi watzupp per comunicare e un pò mi dispiace,anzi tanto. Viene a mancare il contatto diretto con l'insegnante e tra i compagni. Si vede e si legge che lo fai con passione ,brava. Nicoletta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nicoletta. Benvenuta. Il vecchio e il nuovo dovrebbero convivere; nulla deve soppiantare ciò che lo ha preceduto. Sta al nostro buonsenso. Buona domenica.

      Elimina
  10. Il mio maestro delle elemenatri mi insegnò ad amare la curiosità di esistere. Forse mi insegnò a scrivere, certamente ad usare la scrittura; non c'è più da molti anni, ho i capelli biannchi io ma lo ricordo perfettamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E già ... Veniamo ricordati. Qui sta tutta la nostra responsabilità. Bravo sarà stato sicuramente il tuo maestro. Grazie e Buona domenica.

      Elimina
  11. Certo che i tuoi alunni hanno dei genitori come quelli che avevo io. Qui in Francia ci sono dei genitori che picchiano l'insegnante solo perché ha dato una cattiva nota al loro figlio (cattiva nota ben meritata del resto). Buona serata domenicale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sanno purtroppo che fanno del male ai propri figli dando un pessimo esempio. L'insegnante può sbagliare, senza dubbio, ma se ne può discutere serenamente e ristabilire gli equilibri. Buona giornata.

      Elimina
  12. Anch'io ricordo tutti i miei maestri elementari :-)

    Ciao e buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal tuo sorriso si evincono bei ricordi.

      P.S. Io credo nella telepatia. Ieri sera avevo in mente la pubblicazione di una canzone in francese del "68 pensando di notificartela attraverso un commento al tuo blog. Invece, eccoti che spunti! Buona serata a te e buon ascolto :-)

      Elimina