avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


mercoledì 23 dicembre 2015

Calendario dell'avvento 2015 - Il focolare dell'anima tre - seconda edizione

Eccomi alla finestrella numero 23 del calendario dell'Avvento ideato dall'amica Sciarada del blog Anima Mundi e dedicato al piccolo Alessandro volato in cielo la notte del 23 novembre scorso.In questo giorno di Avvento si compie un mese della sua nuova nascita.




Ciao Alessandro, è stato bello conoscere le tue doti straordinarie. Dimostri che la sapienza non sempre è appannaggio del numero degli anni, in quanto nella tua breve vita hai raggiunto vette luminose del tuo essere. 

Il vuoto che lasci in coloro che ti hanno conosciuto e amato è straziante, ma oggi più che mai mi piace pensarti leggiadro, libero dai lacci della malattia, Angelo splendente in un luogo di eterna giovinezza.
Ti cercherò nel sorriso del divino Bambino che allarga le braccia al mondo.




Ventitré dicembre, giorno che segna il graduale ritorno della luce del sole dopo il solstizio d'inverno; antivigilia che ci  avvicina al ritorno della Luce per eccellenza.

In questo giorno che precede le solennità dedico a tutti voi il racconto di Natale di Guido Gozzano:


Notte santa

- Consolati, Maria, del tuo pellegrinare!
Siam giunti. Ecco Betlemme ornata di trofei.
Presso quell'osteria potremo riposare,
ché troppo stanco sono e troppo stanca sei.


Il campanile scocca
lentamente le sei.


- Avete un po' di posto, o voi del Caval Grigio?
Un po' di posto per me e per Giuseppe?
- Signori, ce ne duole: è notte di prodigio;
son troppi i forestieri; le stanze ho piene zeppe!


Il campanile scocca
lentamente le sette.


- Oste del Moro, avete un rifugio per noi?
Mia moglie più non regge ed io son così stanco!
- Tutto l'albergo ho pieno, soppalchi e ballatoi:
Tentate al Cervo Bianco, quell'osteria più sotto.


Il campanile scocca
lentamente le otto.


- O voi del Cervo Bianco, un sottoscala almeno
avete per dormire? Non ci mandate altrove!
- S'attende la cometa. Tutto l'albergo ho pieno
d'astronomi e di dotti, qui giunti d'ogni dove.


Il campanile scocca
lentamente le nove.


- Ostessa dei Tre Merli, pietà d'una sorella!
Pensate in quale stato e quanta strada feci!
- Ma fin sui tetti ho gente: attendono la stella.
Son negromanti, magi persiani, egizi, greci...


Il campanile scocca
lentamente le dieci.


- Oste di Cesarea... - Un vecchio falegname?
Albergarlo? Sua moglie? Albergarli per niente?
L'albergo è tutto pieno di cavalieri e dame
non amo la miscela dell'alta e bassa gente.


Il campanile scocca
le undici lentamente.


La neve! - ecco una stalla! - Avrà posto per due?
- Che freddo! - Siamo a sosta -
Ma quanta neve, quanta!
Un po' ci scalderanno quell'asino e quel bue...
Maria già trascolora, divinamente affranta...


Il campanile scocca
La Mezzanotte Santa.


È nato!
Alleluja! Alleluja!


È nato il Sovrano Bambino.
La notte, che già fu sì buia,
risplende d'un astro divino.
Orsù, cornamuse, più gaje
suonate; squillate, campane!

Venite, pastori e massaie,
o genti vicine e lontane!
Non sete, non molli tappeti,
ma, come nei libri hanno detto
da quattro mill'anni i Profeti,
un poco di paglia ha per letto.
Per quattro mill'anni s'attese
quest'ora su tutte le ore.

È nato! È nato il Signore!
È nato nel nostro paese!
Risplende d'un astro divino
La notte che già fu sì buia.
È nato il Sovrano Bambino.
È nato!
Alleluja! Alleluja!




Passo il testimone all'amico Elio del blog "De qua e de là" ed auguro a tutti noi che abbiamo camminato in questo Avvento col sostegno vicendevole, Serene Festività.

29 commenti:

  1. Ciao Ale,
    oggi è il mio ultimo giorno di lavoro. Sbrigo due cose, poi subito dopo mezzogiorno andrò da Mamma e Papo a salutarli.
    Oggi arriveranno anche i tuoi amatissimi zii e i tuoi cuginetti. Claudia avrà compagnia in questi giorni di vacanza!
    Milù sembra essersi abituata alla nuova casa. Forse le manca Pallina che è rimasta sola nella tua casa vecchia (non ti preoccupare, Mamma le sta dando da mangiare tutti i giorni e forse la sta cercando di convincere che il nuovo quartiere è di gran lunga più bello di quello precedente).
    Ti verrò poi a trovare. Forse si sarà aggiunto un'altro Winnie. Il tuo posto sarà pieno di miele ormai (anche se tu preferisci la Nutella...).
    So però che quello non è il tuo posto. Lo chiamo così perchè so che il tuo corpo è li, assieme alle lacrime di Mamma e Papo.
    Scambieremo due parole noi tre. O forse basterà il silenzio. Quello che sento urlare tutte le volte che mi fermo a pensare a loro due... e succede parecchie volte al giorno ormai.
    Sai che non sarà un Natale felice questo. Sarà il più brutto Natale della loro vita e probabilmente il primo di una lunga serie di brutti Natali e so anche che qualsiasi cosa io dica non potrà servire a colmare quel Nulla che si è creato in loro.
    Voglio però che sappiano quanto gli voglio bene, che ci sarò nei loro momenti di sconforto e sarò pronta a regalar loro un raggio di sole, volessero casomai accoglierlo.
    Di questo sono capace: so donare il mio abbraccio d'amore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei la nostra "speciale" amica anche se tu volessi andare via noi te lo impediremmo con tutte le ns forze nelle tue parole ce aria per respirare...ti vogliamo tanto bene ❤️

      Elimina
  2. Un abbraccio d'amore pure da parte mia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Gianna, il nostro abbraccio corale d'amore.

      Elimina
  3. Tanti auguri di buon Natale Graziana.
    Ho ricondiviso il tuo bellissimo post, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pia. Ho corretto i refusi, di cui non mi ero accorta. Tanti auguri di Serene Festività anche a te.

      Elimina
  4. Ciao Supr Ale , ricordo quando per le feste di Natale Tu con la tua splendida famiglia venivate a Manduria per trascorrere le feste con parenti e amici, e puntualmente ogni anno ci incontravamo o da zia Laura o da Mimma che organizzavano tombolate... ricordo il tuo sorriso e la la tua vitalità <3
    Sai Ale mi piace immaginarti come una stella luminosa , che accende le speranze nei cuori laddove il dolore ha lasciato solo il buio.<3<3<3

    RispondiElimina
  5. Un abbraccio ed un pensiero, anche da me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao deliziosa fatina! Un abbraccio.

      Elimina
  6. Antonella Trisolini23 dicembre 2015 14:30

    Ciao piccolino. In questo mese molta gente ha parlato di te; parecchi ti hanno amato , altri non hanno neanche avuto la fortuna di conoscerti, compresa io purtroppo. .Già mi sarebbe piaciuto sai giocare un po con te...perché dai ricordi di tutte queste persone ho capito quale essere meraviglioso eri ...Hai dimostrato carattere e tanto coraggio nonostante la tua tenera età. Purtroppo non ci sono parole che aiutino la tua grande mamma, il tuo papo e Claudia.Ciao Ale bambino speciale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la condivisione del tuo bel pensiero, Antonella.

      Elimina
  7. Auguri Graziana, Buon Natale
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maurizio. Contraccambio di cuore.

      Elimina
  8. 23 dicembre...fino allo scorso anno un giorno particolarmente bello! Inizio delle vacanze natalizie, compleanno di Marco, arrivo di Monica, Marco e dei due piccoli gioielli.Proprio due gioielli...sempre ben vestiti, belli, dolci, gentili e sorridenti. Già alcuni giorni prima zia Laura, eccitata dall'idea di riabbracciarli, comprava dei regali e le kinder fetta al latte che a loro piacevano tanto. Io, come ogni anno, andavo a salutarli.Era anche l'occasione per mettere sotto l'albero i miei regalini per loro. Ogni volta che li vedevo li trovavo cresciuti e proprio l'anno scorso avevo notato un cambiamento nel comportamento di Ale!!! Lui si era sempre mostrato timido...quando gli davo un bacetto, abbassava la testa... a volte lo prendevo in braccio e rimaneva ancora con il viso basso! L'anno scorso lo vedevo più aperto e ricordo che pensai che stava crescendo e stava venendo fuori un bel carattere gioioso e spiritoso. Ricordo il giorno dell'Epifania, quando gli regalai un piccolo sassofono e lui era gioioso. Quel giorno scherzava con tutti noi e faceva le acrobazie con Carlo sul divano.
    È passato un anno. Alessandro, avrei voluto anche oggi passare a salutarti, prenderti in braccio e darti un bacetto. Purtroppo non posso farlo materialmente e allora ti mando un bacio col pensiero e questa volta ti immagino non più con il mento attaccato al petto per la timidezza, ma con un bellissimo e dolcissimo sorriso!!! Ciao piccolo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per questi spicchi di ulteriore testimonianza, Mimma.

      Elimina
  9. 23 dicembre...fino allo scorso anno un giorno particolarmente bello! Inizio delle vacanze natalizie, compleanno di Marco, arrivo di Monica, Marco e dei due piccoli gioielli.Proprio due gioielli...sempre ben vestiti, belli, dolci, gentili e sorridenti. Già alcuni giorni prima zia Laura, eccitata dall'idea di riabbracciarli, comprava dei regali e le kinder fetta al latte che a loro piacevano tanto. Io, come ogni anno, andavo a salutarli.Era anche l'occasione per mettere sotto l'albero i miei regalini per loro. Ogni volta che li vedevo li trovavo cresciuti e proprio l'anno scorso avevo notato un cambiamento nel comportamento di Ale!!! Lui si era sempre mostrato timido...quando gli davo un bacetto, abbassava la testa... a volte lo prendevo in braccio e rimaneva ancora con il viso basso! L'anno scorso lo vedevo più aperto e ricordo che pensai che stava crescendo e stava venendo fuori un bel carattere gioioso e spiritoso. Ricordo il giorno dell'Epifania, quando gli regalai un piccolo sassofono e lui era gioioso. Quel giorno scherzava con tutti noi e faceva le acrobazie con Carlo sul divano.
    È passato un anno. Alessandro, avrei voluto anche oggi passare a salutarti, prenderti in braccio e darti un bacetto. Purtroppo non posso farlo materialmente e allora ti mando un bacio col pensiero e questa volta ti immagino non più con il mento attaccato al petto per la timidezza, ma con un bellissimo e dolcissimo sorriso!!! Ciao piccolo!!!

    RispondiElimina
  10. A volte vi parliamo. ..cerchiamo di confortarvi..ma in quel mare di disperazione in cui siete..ogni tentativo di darvi coraggio annega...ci sentiamo invadenti..
    indiscreti..quasi a voler profanare quel silenzio e quel dolore che in questo momento vi appartengono...desideriamo farvi sapere quanto vi siamo vicini...Alessandro è ormai figlio di tutti noi...un bimbo speciale che non potremmo mai dimenticare..un angelo che brilla e sorride a tutti come ha sempre fatto..
    maria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero ... A volte viene da fare silenzio di fronte a un dolore così immane. Il nostro stare attorno a questo evento è un accompagnare empaticamente questa splendida Famiglia. Alla fine sono loro che tanto hanno dato a noi...

      Elimina
  11. È passato un mese da quando il tuo dolce sorriso si è spento per sempre e mi sono sentita come se un uragano mi avesse travolta lasciandomi viva ma senza vita.e non c'è stato un giorno che non ho pensato a te dolcetto mio alla tua mamma al tuo papà e a Claudia.in questi giorni, negli anni scorsi,ti aspettavamo con tanta gioia,la casa del nonno Peppe ritornava a essere viva con voi,piena di te e Claudia dei vostri giochi del tuo immenso sorriso della tua dolce vocina.Adesso tutto è troppo silenzioso e freddo in questo Natale senza di te Alessandro.Mi manchi ti voglio bene con tutto l'amore che c'è Zia MINA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per questa nuova testimonianza

      Elimina
  12. Dopo la mezzanotte, il campanile continuerà a scoccare le ore e ripercorrerà la nuova giornata, tocca a noi "caricarlo" affinchè le sue lancette non si fermino, perchè, anche se in certi momenti non lo vorresti, il tempo va avanti.

    Ciao Alessandro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già Folletto. "Diverso tutti gli anni ma tutti gli anni uguale" Guccini. Potremmo dire la stessa cosa per i giorni. La calendarizzazione è una convenzione inventata dagli uomini, ma la natura rinnova il suo prodigio sempre e ogni gioerno è un miracolo che va interpretato e vissuto ... sempre . E' un proposito da rinnovare sempre; il 25 dicembre ce lo ricorda in maniera forte, ma l'eco deve continuare.

      Elimina
  13. Sono consapevole che per i genitori non possa essere in alcun modo consolatorio, ma Ale è e rimarrà per sempre in tutti noi.

    Buon Natale Graziana e grazie !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo cara, è un po' anche nostro, come "nostra" è la sua splendida Famiglia.

      Elimina
  14. E' stato un primo anniversario per Alessandro,che ora è in una nuova dimensione di luce.Per i suoi cari non contano i giorni ma il dolore per la sua assenza.Da ogni finestra di questo Calendario speciale cerchiamo di comunicare la nostra presenza,anche silenziosa,la nostra vicinanza affettuosa e discreta.Cerchiamo di esserci.
    A te,Graziana ,un sereno Natale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un sereno Natale anche a Te, carissima. Grazie per il bel commento.

      Elimina
  15. Ciao piccolo...anche oggi vengo qui a salutarti perché il mio pensiero vola da te e da loro! Mentre tutti si affannano a cercare la felicità in queste strane sere...cos'è diventato il Natale! Piccolino mio quanta gioia ti è stata negata...ma tu ormai sei un Angelo...il nostro Angelo il nostro Ale. Ciao campione. Enza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della tua condivisione Enza. Diventa un po'anche nostro questo tenerissimo cucciolo, grazie alla vostra presenza ...

      Elimina