avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


martedì 5 luglio 2011

Non vogliamo essere oscurati


Nel link tutte le informazioni e tutto ciò che si può fare per fermare questo ennesimo attentato alla libertà di espressione e di parola.

Si è ben capita la potenzialità della rete; la rete, ancor prima di essere strumento, applicativo, server ... la rete siamo noi; la rete è l' insieme di persone che fanno circolare idee, conoscenze, pensieri, cultura...
Persone che creano un contesto senza confini geografici, un contesto privo di fisicità, apparentemente immateriale, ma sostenuto dal pensiero. Ed è questo che si vuole limitare, fondamentalmente;
voglio capire la difesa del diritto d' autore, ma le modalità con cui questo si vuole realizzare sa di censura, di violazione di quella libertà costituzionale recitata nell' articolo 21; certo, non poteva includere internet quale mezzo di diffusione, tuttavia i padri costituenti han fatto riferimento ad "ogni altro mezzo di diffusione" con la loro consueta lungimiranza.

« Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.
Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l'indicazione dei responsabili.
In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell'autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all'autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s'intende revocato e privo di ogni effetto.
La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.
Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni. »

13 commenti:

  1. Ottimo. Almeno proviamoci :)
    Ciao cara e buona giornata!
    Lara

    RispondiElimina
  2. Buona giornata anche a te, Lara:)
    Vi ho seguiti in questi giorni, ho firmato la petizione e spero caldamente che questa delibera non passi.
    Qualcuno sta già trasferendo il proprio blog su word a scanzo di equivoci.
    Pur volendo, ora, in questo momento non mi è possibile.
    Speriamo, dài...

    RispondiElimina
  3. Condivido...ma ho usato altri canali per diffondere.

    RispondiElimina
  4. @Mark
    aNCH' IO ho divulgato anche in altri modi:)

    RispondiElimina
  5. Bel post Graziana,complimenti!Dobbiamo essere uniti per vincere anche questa battaglia,che è molto importante per il nostro futuro.Buona giornata

    RispondiElimina
  6. Ciao,

    io ho già detto la mia lasciando un (lunghissimo) commento qui:

    http://lamentementecostantemente.wordpress.com/2011/07/04/agcom-e-censura-come-stabilire-un-confine/#comments

    Ciao!

    RispondiElimina
  7. @erborista1
    Speriamo davvero che questo progetto malsano non vada in porto. Grazie del commento e buona giornata.
    @Exodus
    corro a leggere

    RispondiElimina
  8. invece speriamo che vada in portooo! Rivoglio la rete com'era 10 anni fa, quando era solo per pochi e nessuno mi rompeva le scatole. Voglio parlare con persone intelligenti e non con bimbiminkia che usano sms-ese!!! Internet come mezzo d'informazione e NON come social o strumento di download illegale!!!

    RispondiElimina
  9. Rispeetto la tua voce fuori dal coro Anonimo, tuttavia consentimi di dissentire:
    si può migliorare, non tutto va benissimo, ma bisogna educare ed educarsi e la strada naestra non può essere la censura, almeno secondo me.

    RispondiElimina
  10. # Anonimo:

    anch'io vorrei le strade deserte la mattina quando vado al lavoro e la tangenziale libera, sigh!

    Purtroppo ormai la patente ce l'hanno tutti...

    E vorrei guadagnare 5.000 euro al mese... Purtroppo hanno studiato anche gli altri, si sono laureati e parlano anche loro le lingue estere.

    Rivoglio il mondo com'era prima, con le strade tutte per me e senza concorrenza, sul lavoro, e su internet!

    Già che ci sono vorrei essere l'ultimo uomo fertile della terra, non so se mi spiego :-))))))

    RispondiElimina
  11. Exo, mi sarei aspettata una replica di questo genere :))

    RispondiElimina
  12. Comunque bisogna restare vigili e speriamo per il futuro.Saluti a presto

    RispondiElimina
  13. Vero Cavaliere, speriamo bene.

    RispondiElimina