avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


sabato 14 maggio 2011

Il referendum abrogativo secondo la Costituzione

Articolo 75

E` indetto referendum popolare per deliberare l'abrogazione, totale o parziale, di una legge o di un atto avente valore di legge , quando lo richiedono cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali.
Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali .
Hanno diritto di partecipare al referendum tutti i cittadini chiamati ad eleggere la Camera dei deputati.
La proposta soggetta a referendum è approvata se ha partecipato alla votazione la maggioranza degli aventi diritto, e se è raggiunta la maggioranza dei voti validamente espressi.
La legge determina le modalità di attuazione del referendum.

Il referendum designa la sovranità del popolo; è la forma in cui  gli aventi diritto al voto possono intervenire direttamente nell' assetto legislativo; è un diritto preziosissimo; un' occasione di partecipazione democratica diretta e irrinunciabile.

Viene promosso dai Consigli Regionali(5) o da 500.000 elettori con l' adesione volontaria ad un quesito; l' intervento diretto (tanto nella definizione dei termini del referendum che nella consultazione elettorale per l' abrogazione totale o parziale di una legge o per confermarla tale quale essa è ) , è una forma di massima espressione della sovranità popolare. 

Pertanto, dopo aver espresso le ragioni dei 4 SI'  da marzo ad oggi, mi sento di dire a tutti e a ciascuno:

Il 12 o il 13 giugno VAI A VOTARE!

Esprimi il tuo parere, fai sentire la tua voce, in tutta libertà e serenità; non rinunciare a questo diritto; non lasciare che siano gli altri a decidere per te, soprattutto nella forma più deleteria, che determina  la morte del referendum, per assenza degli aventi diritto !!!! 

5 commenti:

  1. Sono d'accordissimo con te, Graziana.
    Ciao e buona giornata!
    Lara

    RispondiElimina
  2. Grazie Lara, buon pomeriggio a te ...

    RispondiElimina
  3. non posso che rinnovare l'appoggio....:-)

    RispondiElimina
  4. @ evergreen
    grazie, apresto!
    @ mark
    mi rendo conto di essere ridondante, ma voglio veicolare il messaggio referendario attraverso questo strumento, sperando che non saremo solo noi il 12 giugno ...

    RispondiElimina