avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


domenica 26 dicembre 2010

Il primo Natale senza Alessia in casa

Sono contenta. E' stato un distacco doloroso la sua partenza, ma quasi subito ho ritrovato l' equilibrio; la non presenza è ampiamente compensata dal saperla felice, protagonista di un' esperienza piena, appagante, proficua.

Il soggiorno a Zseged (Ungheria) sta per concludersi. Quasi cinque mesi son passati, lunghissimi e ad un tempo, un lampo.
C' è stata la possibilità di un prolungamento della permanenza ed io ,cara Alessiuccia, ho sinceramente tifato per te ... con tutto il cuore e con tutta la forza. Perché attraverso le chat lampo, le telefonate, le vedeochiamate, ti ho vista in forma smagliante.
Sei entrata nel vivo di una cultura , leggo i tuoi post in inglese; mi sono commossa nel leggere i tuoi auguri:
-To my family, to my friends, to Szeged, to my city, to my dog... Feliz Navidad! Buon Natale! marry Christmas!

Mi dici che scrivi naturalmente in inglese anche in chat. Sei diventata una cittadina del mondo, con una mentalità aperta, multietnica, e questa è una cosa bellissima.

Ora la tua esperienza si sta concludendo ... non nego che sto facendo il conto alla rovescia e anche tu, malgrado il brandello di cuore che lasci nell'Est, un po' di nostalgia di casa ce l' hai.Tu stessa lo lasci intendere:
- ..ma non ho rammarichi perché questa esperienza in qualche modo sará parte integrante della mia futura vita professionale e non solo. A questo si aggiunge poi che stare lontana da casa per 8 mesi significava un trauma incredibile al riadattarmi al mio mondo, alla mia universitá.
Per cui, ecco, sono felice di quello che ho...senza rammarichi. Sono cmq fiera di me di essere stata in grado di vivere (e non sopravvivere soltanto) in un altro stato, in un altro sistema. ...-


L' atteggiamento di apertura verso il mondo: il frutto più bello che riporterai con te, ma non solo; insieme riporterai una maggiore consapevolezza di te, di ciò che vali, e di ciò che potresti diventare ...
Tornerà una persona diversa, più determinata, che saprà ciò che vuole....una persona che intesserà nuove relazioni, o meglio, che rivivrà le relazioni di sempre con un senso nuovo.

Avremmo potuto averti a casa a  Natale, ma se così fosse stato, sarebbe stato un dono egoistico che avremmo fatto a noi stessi; invece, accettando l' invito di Greta, hai potuto vivere un Natale diverso a Sofia,tutto da narrare e da testimoniare; e questo mi sembra il dono più giusto per il Natale 2010 che reciprocamente ci siamo regalati. A presto Alessiuccia!
L' autore di questa foto è stato proprio bravo e sensibile.
Greta (presumo sia lei) ha fissato un' espressione che mi ricorda quando eri piccola:
pensosa e curiosa ...

10 commenti:

  1. .. mi sveglio una mattina in un appartamentino a Veliko Tarnovo (Bulgaria) e accendo il pc.. Cosa vedo? che la mamma mi ha taggata in un post. Ho ripercorso molte tappe di qusta esperienza mentre nel lggere le tue righe. E stata una esperienza che ha cambiato tutti noi in forma sensibile ed intelligente.. Per quanto riguarda me, probabilmente non riconoscerai del tutto la ragazza che ad agosto di sera se ne e'andata senza troppo clamore, con una strana espressione di turbamento in volto.
    Vedrai rientrare una persona divrsa credo. Mi sento una forte criniera sulle spalle ed un ruggito in gola.

    Grazie mamma, sei la mamma preferita. Non vedo l ora di riabbracciarti!

    PS.
    Sto usando il pc di Greta che ha una tastiera un po'diversa quindi perdonami gli errori di ortografia! baciu baciu

    RispondiElimina
  2. Ecco...Non avevo dubbi...Bellissima sintesi quella del leone...

    Me lo ricordo benissimo il tuo strano turbamento in volto, chiamato a gestire il proprio e quello "clamoroso" di tua madre; mi spiace, se in quell' occasione non sono stata capace di infondere sicurezza; la madre eri tu ...

    E' verissimo: la tua esperienza ha cambiato tutti noi in maniera sensibile e intelligente, lo sottoscrivo e lo riscrivo; me lo voglio imprimere, in quanto è anche un progetto di vita che intendo portare avanti consapevolmente.
    Anch' io sono diversa, con un ruolo più consono a una madre che "segue" i figli maggiorenni e adulti ... Ti aspetto ...

    RispondiElimina
  3. Bello e commovente questo dialogo fra madre e figlia che percorrono ognuna la propria strada senza perdersi di vista, sorrette da un legame invisibile, ma forte che va al di là delle distanze.Un augurio ad entrambe di Buon Cammino anche per il 2011

    RispondiElimina
  4. Grazie Luigina; mi conosci da pochissimo, eppure hai colto nel segno mirabilmente ... espliciti così bene il legame tra me e mia figlia come io stessa non avrei saputo dire ...
    Grazie ... Grazie per questo tuo essere tra queste pagine...
    Contraccambio l' augurio di Buon Cammino anche a te per tutti i giorni a venire, Luigina ... Un abbraccio...

    RispondiElimina
  5. presto vivrò questa esperienza da genitore. Ad aprile mio figlio andrà in Francia per un anno; ne sono felice nonostante il dispiacere di averlo lontano. Ma so che lo ha meritato e come scrivi tu, questa esperienza non potrà non far bene alla sua formazione personale prima ancora che personale. Brava mamma sei stata a stare a fianco di tua figlia. E brava lei, ovviamente !

    RispondiElimina
  6. @unodicinque
    Grazie anche a te per l' attenzione e le belle parole che usi per me e mia figlia. Ricordo che era marzo quando sapemmo dell' Erasmus di mia figlia; ma agosto mi pareva un tempo ancora così remoto e anch' io ero semplicemente fiera e contenta per lei. A luglio invece cominciò a prendermi una sorta di inquietudine che fu un crescendo e che non riuscivo più a contenere, più forte di me ... Eppure rispetto a mio marito sono stata sempre io la più propensa a favorire esperienze autonome per i figli.. Non riuscivo a spiegarmelo neppure io ...

    Forse era il vero taglio netto del cordone ombelicale che avvertivo prossimo e decisivo, non so, la proiezione anche materiale verso un mondo cui io non potevo prendere parte ... Ma poi ben presto una nuova forza, un nuovo coraggio, e un sottile e più elastico filo che ha arricchito il nostro rapporto.
    Tantissimi auguri di Buon Cammino per tuo figlio e per te, nellla certezza che anche voi andrete ancor più lontano ...

    RispondiElimina
  7. Che bella lettera di.. mamma? Non ti conosco, ti scopro ora e mi sono emozionata tantissimo. Finalmente una figlia lasciata libera di essere e di seguire il suo destino, senza l'egoismo che abbranca e blocca.
    Sono felice che esistano madri e figlie così!

    RispondiElimina
  8. @Occhi d Notte
    Grazie ... Che belle parole che usi per noi...
    Sì, è una lettera di mamma indirizzata un po' a sé stessa, un po' alla figlia ...
    Lo scrivere ha assunto nel tempo una sorta di autoterapia; un tirar fuori quel che si ha dentro per riflettervi su e smussare gli angoli.
    Il cammino non si arresta mai ...
    Grazie ancora e benvenuta tra queste pagine..

    RispondiElimina
  9. I nostri figli sono come frecce che lanciamo dal nostro arco.
    Una volta lessi questa frase ed è rimasta impressa nella mia mente. Tu hai saputo farlo. L'hai lanciata lontano la tua cucciola! Hai saputo superare la naturale ansia che tutte noi mamme proviamo quando i nostri piccoli (più o meno...) lasciano il nido per prendere il volo della vita. Brava!
    Auguro a te, alla tua bellissima figlia e a tutta la tua famiglia un 2011 pieno di salute, serenità e soddisfazioni!
    Un abbraccio,
    Rosa

    RispondiElimina
  10. Ma che bella sorpresa ... Mi commuovi ...

    Grazie Rosa, grazie per il bel commento ... contraccambio gli Auguri di pace serenità e salute per te e per i tutti i tuoi Cari!!!!

    RispondiElimina