avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


mercoledì 8 ottobre 2008

L' uomo e il mare

Il mare d' autunno o d' inverno è stato sempre un forte richiamo per me. L' assenza dei bagnanti favorisce meditazione, sguardo perso in prospettive sconfinate, immagini silenti, quasi oniriche: di presenze umane, di duro lavoro, di amori, di battaglie, ...

La musica fa la differenza...


















in progress

2 commenti:

  1. Sai perche il mare d'autunno o meglio d'inverno suscita queste sensazioni? E' semplice,
    il mare divide le terre , ma nello stesso tempo tramite una semplice imbarcazione le unisce!!!!

    Troppo riduttivo? Non penso, la divisione e l'unione che coesistono è qualcosa di splendido!!!!!

    RispondiElimina
  2. Coincidentia oppositorum, rapporto dialetttico: niente di più bello e vero, Carlo!

    Grazie del tuo passaggio :-)

    RispondiElimina