avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


mercoledì 11 giugno 2008

Le seadas o sebadas

Splendidi dolci sardi.

Stasera era destinata ad essere una di quelle serate in cui parlo da sola, per digerire un boccone amaro e pesante scaraventato nello stomaco in modo totalmente imprevedibile e ... bho ... mi verrebbe da dire con cattiveria, con follia, ma non ci sono paragoni che tengano: dico semplicemente in modo indefinibile e incomprensibile, perché tale è stato nel vero senso della parola.

Tralascio i dettagli. Dico solo che stavolta ho preso coscienza del valore della mia persona. Un po' di immodestia ci vuole ogni tanto ... L' ispettore Petracca in altri contesti ebbe a dire: " Ci si valuta nell' intersoggettività". Non banalizzo un' asserzione legata al pilotaggio del sistema d' istruzione, ma, caro stimatissimo Ispettore mi permetto di decontestualizzarla e ricontestualizzarla. E sinceramente ora apprezzo e comprendo ancora di più quella frase.

Ma basta con le elucubrazioni, vivaddio! Concentriamoci invece su questa bella e insolita immagine culinaria, almeno per un' abruzzese!
Una seada sarda. Una vera finezza e delizia! Ci ha pensato lei a spazzarmi via l' adrenalina favorendo fiotti di benefica serotonina ...
I miei figli hanno imparato a socializzare le loro vacanze soprattutto con un pezzo di cultura veicolato da piatti tipici.
Queste seadas vengono dalla Sardegna .
Il sapore della pasta mi ricorda quella della cicerchiata o dei nostri fritti natalizi.
Si tratta di due pezzi di pasta che a me è sembrata lievitata; essi racchiudono del formaggio filante delicatissimo. Questa specie di grosso raviolo va fritto in olio abbondante, (non si impregna per niente) quindi, ancora caldo, si appoggia su un piattino per dolci e si cosparge di miele filante. Si mangia con coltello e forchetta.
Nettare degli dei!! Veramente ... troppo bella e varia la vita, mai sprecarne un secondo ...

Cara seada, la digestione ha lievemente sofferto, considerata l' ora tarda della nostra cena e le tue dimensioni (altro che dolcetto...), ma hai avuto il merito di spiazzare l' altro boccone, fastidiosissimo e sconveniente :-)

P.S. Informazioni più approfondite si trovano su un sito dedicato.

Nel video, pure e semplici associazioni ...

Nessun commento:

Posta un commento