avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


domenica 22 giugno 2008

L' arte di ascoltare


Come educatori siamo molto orientati a promuovere il parlato, a seguirne le regole, onde dare contributi ed assumere punti di vista e tanto altro ancora ... C'è qualcosa che ci sfugge però... Ce ne dovremmo acorgere quando gli alunni chiedono la parola mentre l' insegnante o un altro alunno sta parlando.

E' evidente che quando ciò accade l' alunno che chiede la parola non sta minimamente ascoltando. E allora ci si dice : "qui qualcosa non torna. Ho saltato un passaggio. Prima di imparare a intervenire è opportuno imparare ad ascoltare."
Mentre ti proponi di formulare strategie di ascolto, ti capita tra le mani un testo che, ahimé, non conoscevi o non ricordavi affatto: "L' arte di ascoltare" di Plutarco.


"I bravi educatori rendono sensibili alle parole le orecchie dei ragazzi insegnando loro non a parlare molto ma ad ascoltare molto ... . E la natura, si dice, ha dato a ciascuno di noidue orecchie ma una lingua sola perché siamo tenuti ad ascoltare più che a parlare."

Il silenzio, dunque, è ornamento sicuro per un giovane in ogni circostanza, ma lo è in modo particolare quando, ascoltando un altro, evita di agitarsi o di abbaiare a ogni sua affermazione, e anche se il discorso non gli è gradito pazienta e attende che chi sta dissertandosia arrivato alla conclusione; e non appena quello ha finito, si guarda dall' investirlo di obiezioni, ma ... lascia passare un po' di tempo per consentire all' altro di apportare eventuali integrazioni o di rettificare e sopprimere qualche passaggio"

Plutarco - L' arte di ascoltare

6 commenti:

  1. Scusa Graziana, ma so che risponderai, secondo te è meglio imparare prima l'arte di ascoltare o l'arte di tacere?

    RispondiElimina
  2. Non ho ancora finito il post ... Tempo tiranno. Ripassa tra qualche giorno e copierò tutto il pezzo di Plutarco che è veramente bello e interessante.

    La risposta alla tua domanda è ardua.
    Se tacere equivale ad ascoltare, allora va pure bene imparare prima a tacere. Ma non basta tacere, bisogna essere attenti per comprendere i messaggi che ci pervengono fino a stabilire rapporti di di apertura ed empatia.

    L' ascolto attento è sempre più un' utopia, anche tra gli adulti, Carlo. Se capiti in un' assemblea condominiale ti accorgi che è un sovrapporsi continuo di voci e di pensieri; tutti rispondono senza minimamente interloquire..

    RispondiElimina
  3. maestra mi ricordo che nei primi giorni di scuola ci scrivevi alla lavagna:
    Parlare
    Scrivere
    Leggere
    Ascoltare
    Ascoltare è la dote più bella per me.Perchè a me viene naturale non mi devo sforzare.Non capisco come alcuni possano riuscire a non ascoltare
    Fabio5a

    RispondiElimina
  4. E infatti ti torna utile.

    Chi ascolta attwntamente ricorda e interviene al momento giusto...

    RispondiElimina
  5. bravo Plutarco, che già dava buoni suggerimenti, ma brava anche te, che da insegnante dai importanza, giustamente, alla cosa.

    RispondiElimina
  6. Grazie carissima,l'ascolto attento è una delle competenze più difficili da promuovere. La vita frenetica che conduciamo in tutti i contesti, sta spazzando via questa dote con tutto ciò che ne consegue.

    RispondiElimina