avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


venerdì 12 settembre 2014

I wurstel: forse è il caso che ne facciamo a meno



Tendenzialmente ne sarei ghiotta. Da buona occidentale ho incrementato anch'io il gusto per i cibi sofisticati anche se con parsimonia. Da oggi nel mio frigo non entreranno più, nemmeno occasionalmente.

6 commenti:

  1. Importante, lo tengo ben presente!

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. Grazie Giancarlo, anche a te buona domenica!

      Elimina
  3. cette saucisse ne ressemble a rien ,la soppressa del veneto oui,et puis ce mot saucisse est vulgaire .salut

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh .. qui sono poco d'accordo.
      Forse usi il termine "salsicce" in senso generico, ma le salsicce vere non hanno nulla a che vedere con i wurstel, anche nella migliore delle ipotesi. Parlo delle salsicce artigianali, ivi incluse anche le nostre abruzzesi, di puro suino, con aggiunta di aglio,sale, pepe, eventualmente peperoncino semi di finocchio e alloro(secondo i gusti): niente di volgare amico, ma solo qualcosa di assolutamente delizioso :-)
      La soppressata veneta non la conosco, ma se è un prodotto tipico sarà sicuramente buona. Saluti.

      Elimina
  4. salut je voulais parler du wurstel et la saucisse en general mais tu peux m envoyer 10kg de salsicce j accepte avec plasir .A +

    RispondiElimina