avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


giovedì 29 dicembre 2016

Il GGG Il Grande Gigante Gentile


Ieri sera, ore 22.40 circa, mentre mi dirigo in camera, sento il bip del Messenger al telefono; curiosa attivo la lettura e ...
Un'alunna di due cicli fa, prossima alla maturità classica, mi scrive:
-Maestra oggi, mentre passeggiavo, ho visto un manifesto pubblicitario: Il GGG, la proiezione del film del Grande Gigante Gentile! Un tuffo nel passato ... Un bellissimo ricordo della mia infanzia. Che bello sarebbe ritornare in quegli anni ...Le voglio un bene immenso, grazie per avermi regalato ricordi magnifici!

L'emozione è incontenibile ...

Un tuffo nel passato anche per me. Ricordi magnifici anche per me.
Eravamo in quarta. Io ed ariel53, una carissima collega di rete di Vibo Valentia (Calabria), decidemmo di leggere il libro di Roald Dhal nelle rispettive classi parallele.
Quindi aprimmo un blog nella piattaforma del MIUR, dal titolo "PescaraViboBlog - Il Grande Gigante Gentile". Peccato che non esista più la piattaforma, né le tracce della nostra favolosa esperienza.

Settimanalmente, lavoro pionieristico per quei tempi, nell'ora di informatica i nostri alunni si incontravano per condividere emozioni, disegni, riflessioni, studio, nella gioia dell'incontro non sensoriale, non in ossa e ciccia. Sorvolo sulla proficua ricaduta didattica che si può immaginare; sullo stupore, la gioia, la motivazione alle stelle, il piacere della lettura... E torno al nostro dialogo.

-Sai una cosa? Mi stai facendo pensare che riproporrò quel libro ai miei attuali alunni.

-Veramente?!?! Allora, come rientriamo a scuola, in qualche ora buca verrò in classe ... magari, se ne parlerà una vecchia alunna, saranno più spinti a leggerlo!



- Maestra ... sarebbe carino andarlo a vedere insieme ....
- Perché no ... Quando inizia la proiezione?
- Controllo subito!
- Non fa nulla, se non lo sai ... Non cercare ora ...
- Dal primo di gennaio!!!!
Mi prefiguro un appuntamento all'Arca... :-) Sorrido divertita, mi basta l'idea.

Addio sonno ... L'emozione me lo ha spazzato via. Ma ne sono felice! Resto a lungo a vagare nei ricordi. Che bel regalo, però ... E che soddisfazione .... Fiera di esercitare il mestiere più bello del mondo!

Roald Dhal: autore di narrativa per ragazzi. Ebbe un'infanzia triste, vissuta in solitudine; quando divenne scrittore perseguì un unico obiettivo: scrivere per bambini e ragazzi per infondere sempre una sana allegria.

21 commenti:

  1. E questi contatti ripagano alla grande i "sacrifici"degli insegnanti.

    Complimenti e baci a te.

    RispondiElimina
  2. E' veramente bello apprendere che dei govani siano partecipi di cose sane e non solo di I-Phone o I-Pad. Complimenti a voi per l'opera svolta in precedenza ma, siete proprio sicure che non ci sia più traccia ? Attendiamo di conoscere il seguito dell'attuale impresa. Buon Capodanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Elio; no, non c'è traccia della piattaforma, rimossa anni fa. Qualcosa sopravvive nei quaderni conservati in soffitta forse ... Molto nei nostri ricordi. Qualcosa faremo senz'altro. Grazie mille. Prospero anno a te.

      Elimina
  3. Certe scintille possono provocare grandi incendi.Una bella favola,anche questa,che nasce fra persone con delle idee e con la voglia di comunicare e condividere.Ciao Graziana e buon Anno Nuovo-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chicchina, per il tuo commento e per l'augurio che porgo anche a te, per un anno prospero di doni spirituali innanzi tutto e per tutto ciò che ti sta a cuore.

      Elimina
  4. Quanti ricordi e quante emozioni mi hai fatto rivivere. Quei pomeriggi a scuola, quell'unico computer conteso fra i bambini, che aspettavano con impazienza il loro turno per comunicare pensieri e disegni di quell'esperienza condivisa! Ieri abbiamo visto in TV, con i nipoti, il trailer del film e ho tentato di trasmettere l'emozione di quella collaborazione a distanza... troppo avanzati tecnologicamente... non ci hanno trovato niente di eccezionale. Beh, Graziana, noi possiamo dirlo... siamo state maestre pioniere ed entusiaste, orgogliose del nostro lavoro. Grazie di avermi fatto rivivere quei momenti. È stato bello conoscerti e ritrovarti. Francesca/ariel53

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca, che bello ritrovarti a disquisire di quel lavoro. Collaborazione fantastica la nostra; un rapporto di colleganza tanto proficuo quanto divertente, compagne di studio nell'apprendimento collaborativo. Un nuovo modo di stare al mondo sperimentata insieme ai nostri alunni, una nuova dimensione. Non potevo non condividere con te ... Grazie a te per questa nuova condivisione. Emozionante anche per me tornare a interloquire con te dopo averti fortunatamente incontrata. Ti auguro di realizzare i tuoi desideri per l'imminente nuovo anno e ... Non escludo l'eventualità di conoscerci in ossa e ciccia, Francesca mia ;-)

      Elimina
    2. Scritto di getto,Francesca, senza rileggere e in preda all'emozione. Quindi ripetizioni, errori di concordanza, refusi a go go ...

      Elimina
    3. Mi mancano quei tempi e non è detto che non ci si possa davvero incontrare in ossa e ciccia, come dici tu! Di tempo ( non so se dirlo con speranza o rimpianto) ne ho fin troppo. Perciò spero possa essere una promessa da mantenere: a presto 😘😁

      Elimina
  5. Da ragazza leggevo Mario Lodi. Ora leggo te. Che bellezza, che belle storie per iniziare l'anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi commuovi, Lorenza. Sono spicchi belli di vita quotidiana. Un bel regalo di fine anno, davvero ... Grazie :-)

      Elimina
  6. Ottime storie!
    Ti auguro un sereno anno nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Cavaliere. Un luminoso anno anche a te.

      Elimina
  7. Tempi moderni: gli ex allievi che "messaggiano" gli ex insegnanti. Per me è una cosa da fantascienza, io avrei paura a disturbare i miei ormai anziani insegnanti. Ma anche prima: quando si usciva dalla scuola era normale perdere i contatti, la vita scorreva così...

    Ho risposto ad una tua domanda sul mio blog, sulla "piccola peste" a quattro zampe...

    Allego un link che mi ha procurato, e continua a procurarmi, un'emozione indicibile, non smetto di guardarlo e commuovermi... A proposito, un insegnante può fare la differenza nella vita di una bambina. Se scorri un po' in rete il nome della bambina autistica protagonista del video, vedrai che è stato il suo maestro di musica a infonderle coraggio e fiducia in sé stessa. Spero che continui... E penso che se tutti fossero così, questo mondo sarebbe davvero un bel posto in cui vivere.

    https://www.youtube.com/watch?v=gfAwXDWThlo

    Ti auguro un felice 2017.

    Ciao!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con i miei alunni ho sempre instaurato un rapporto confidenziale mantenendo comunque l'autorevolezza. E' un equilibrio che mi riesce con naturalezza. Non sono capace di essere tutto d'un pezzo per tutta la giornata scolastica.

      http://ilricordoelamemoria.blogspot.it/search/label/sugli%20alunni

      In questo post di messaggi cartacei di fine ciclo, un alunno scrive: "... ogni cosa riesci a mantenerla scherzosa nei limiti."

      Chi vuole è rimasto vicino; non mancano i distaccati, ma lascio liberi tutti di prolungare le relazioni.

      Bellissimo il video, veramente emozionante.Ascoltato all'infinito ... E' un pezzo che mi piace tantissimo ma al contempo, sapere che la protagonista è affetta da autismo mi tocca molto. Letto il tuo commento sul tuo blog ... Arrivo a commentare.

      Buon 2017 anche a te!

      Alla prossima.

      Elimina
    2. Anch'io lo ascolto all'infinito, quella bambina neppure parla in classe, anche la sua posizione rispetto al resto del coro dev'essere studiata, altrimenti si sentirebbe soffocare (tipico delle persone autistiche, hanno bisogno di spazi...). E guarda diritto avanti, può esserci un suggeritore, ma è letteralmente nel suo mondo, probabilmente il mondo di un angelo. Ciao.

      Elimina
    3. http://ilricordoelamemoria.blogspot.it/2008/05/rileggendo-ricordi-informali-cartacei.html

      Questo è il link giusto ... Ciaoo!

      Elimina
  8. Très belle histoire et émouvante.

    Beaucoup de bonheur et bonne année à toi et à l être humain .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merci bien, amico. Contraccambio per te e per i tuoi cari

      Elimina