avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


martedì 1 aprile 2008

EUREKA!! ... Sto benedetto ghiaccio è stato rotto!


Non riuscire a dare esami mi aveva indotto disturbi del sonno.
Preparare l' esame, e due giorni prima dell' appello mandare tutto all' aria con un pretesto semioggettivo, è stato un fatto ricorrente e più forte di me. In questo modo ne ho preparati 5, e anche discretamente bene ... Ma non sostenuti.

Sono stata sul punto di rinunciare ... Ed è proprio questo che mi toglieva il sonno. Gettare la spugna è un gesto che mai mi è appartenuto ... E ... Possibile che l' iscrizione a questa specialistica mi doveva solo fruttare una tegolata sull'autostima?! Ma come cavolo mi era venuto in mente?! E chi accidenti me lo aveva fatto fare!!!

... Non è stata solo questione di studio, ma ho dovuto rivedere il mio tempo e i miei tempi ... Questo è stato il punto essenziale che peraltro doveva conciliarsi con la severa censura dell' autovalutazione.

Bene. Sono contenta di aver iniziato con la Pedagogia Sociale: un punto di vista non così lontano dalla Pedaggia scolastica che pratico nella didassi e nello studio personale, ma nello stesso tempo nuovo e innovativo: un graditissimo pesce d' aprile:-)

"Ciò che contraddistingue le menti veramente originali non è l' essere i primi a vedere qualcosa di nuovo, ma il vedere come nuovo ciò che è vecchio, conosciuto da sempre, visto e trascurato da tutti.
Ricondurre qualcosa di sconosciuto a qualcosa di conosciuto, tranquillizza, appaga e dà anche un senso di potenza"
Friedrich Nietzsche

4 commenti:

  1. Fatti non foste per viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza.
    Questo scriveva Dante tanti anni addietro!!!!!!
    Complimenti e non fare come me che ho reiniziato il conservatorio lo scorso anno e poi....... sono miseramente crollato con le stesse "attenuanti del caso" che hai precedentemente descritto

    RispondiElimina
  2. Carlo... tu sei un ragazzino...
    Hai tutto il tempo per ricominciare. Alzati e cammina! E spazza via ogni indugio: fatti non fummo per esser come bruti, ma per seguire virtude e conoscenza!

    Come sempre, sono contentissima di leggerti: grazie!

    RispondiElimina
  3. Grazie per il ragazzino ma...... ne ho 42 e pure mal portati!!!!!!! No non posso riprendere impegni con scadenze fisse, la famiglia ed il lavoro mi assorbono molto tempo. Il tempo che riesco a recuperare è solo quello notturno, e ad un età certa..... la stanchezza mentale si fa sentire!!!!

    RispondiElimina
  4. Carlo...con me questi discorsi non reggono ;-)Io ne ho 55 ... Alla tua età si è veramente un ragazzini. Te lo dico col senno di poi.

    Il decennio che stai vivendo comprende la maturità accumulata con le esperienze di vita (famiglia, lavoro...) e conserva il vigore degli anni. E' l' età più proficua: fidati!
    La stanchezza mentale scompare se assumi l' impegno di studente: è una terapia; tutto si ridimensiona.
    E ricorda: la stanchezza mentale è un atteggiamento.

    Quando sto al bar dell' università o a fare la fila in segreteria, o, come di recente, a sostenere un esame, gli anni si azzerano. Ti viene una carica che non pensavi di avere; il nuovo impegno non si aggiunge semplicemente agli altri, ma dà una luce nuova ad essi.

    Parlo per esperienza e non per scienza. Dài Carlo: il regalo più bello lo faresti a tua moglie e a tua figlia ... lo studio accresce le risorse umane e irradiano la famiglia della tua nuova luce... Prova a credermi...

    Io devo dirla tutta. La difficoltà maggiore per me era la paura dello schioffo: all' età della maturità non te lo perdoni, ma se superi lo scoglio ... è fatta ... non ti riacchiappa più nessuno.

    RispondiElimina