avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


mercoledì 24 aprile 2013

E che venne alla donna del soldato?

anche detta
La ballata della donna del soldato nazista

E che venne alla donna del soldato

da Praga, dall'antica capitale?

Da Praga le venne la scarpa col tacco,

un saluto e la scarpa col tacco,

questo le venne da Praga.


E che venne alla donna dei soldato

da Varsavia in riva alla Vistola?

Da Varsavia le venne la camicetta di lino,

così  vivace e strana, una camicetta polacca!

Questo le venne dalla riva della Vistola.


E che venne alla donna del soldato

Da Oslo sul Sund?

Da Oslo le venne il baverino di pelliccia!

speriamo le piaccia, il baverino di pelliccia.

Questo le venne da Osto sul Sund.


E che venne alla donna dei soldato

dalla ricca Rotterdam?

Da Rotterdam le venne il cappello.

E le sta bene, il cappello olandese.

Questo le venne da Rotterdam.


E che venne alla donna del soldato

da Bruxelles in terra belga?

Da Bruxelles i fini merletti.

Oh averli quei fini merletti!

Questi le vennero dalla terra belga.


E che venne alla donna del soldato

da Parigi la ville lumière?

Da Parigi le venne la veste di seta.

Per l'invidia della vicina, la veste di seta.

Questa le venne da Parigi.


E che venne alla donna del soldato

da Tripoli di Libia?

Da Tripoli le venne la catenella,

gli amuleti alla catenella di rame.

Questi le vennero da Tripoli.


E che venne alla donna dei soldato

dall'ampio paese dei russi?

Di Russia le venne il velo di vedova.

Per il funerale il velo di vedova.

Questo le venne di Russia.

Bertold Brecht


Nessun commento:

Posta un commento