avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.



domenica 28 marzo 2021

L'ora legale

Eccoti di nuovo, disagio di una vita intera.

Dopo più di cinquant'anni, ho potuto sperare che sparisse dalla circolazione, o che al limite rimanesse per sempre, evitandomi questi repentini adattamenti. Invece pare che debba rimanere per sempre.

L'Italia, infatti, pare che non voglia prendere posizione rispetto alla richiesta dell'Unione Europea che chiede di adottare uno dei due orari, solare o legale, per tutto l'anno. La nostra originalità sembra orientata a non scegliere, a lasciare le cose come stanno: questo era stato l'orientamento di Conte.

Io soffro nel passaggio all'ora legale, sto invece benissimo al ritorno all'ora solare, forse perché sono molto in sintonia con i ritmi naturali. Insonnia e tachicardia, mi accompagnano di solito fino a giugno inoltrato.

Ora che sono in pensione cerco di difendermi ignorando le lancette per quanto possibile, mentre nella precedente vita lavorativa, o ancor prima da studentessa, ho sempre  rincorso il tempo, oltre ad avere disagi fisici.

Ma io mi chiedo, indipendentemente dal mio personale modo di essere, è davvero utile questa ora legale?

Inoltre, di fronte alla richiesta di fare una seria valutazione e scegliere uno piuttosto che l'altro orario, perché si dovrebbe dribblare?

16 commenti:

  1. Tutto ciò che va contro i ritmi della natura provoca disagio, anch'io vivo male questa ora legale.
    Ciao cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono sola vedo, anzi sono in ottima compagnia. Grazie cara.

      Elimina
  2. Quando ero giovane in un paio di giorni ero già regolato sul nuovo orario. Adesso appena mi abituo è già ora di cambiare.

    Sull'utilità .... pare che all'inizio il risparmio fosse più accentuato, adesso meno.

    Sul non prendere una decisione io ho una teoria: fino a che non trovano su chi far ricadere la colpa nel caso la decisione risultasse sbagliata, non decidono niente.

    Buone Palme
    Julo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Julo, buone Palme anche a te. Molto calzante e convincente la tua teoria. Grazie.

      Elimina
  3. Basterebbe scegliere così non ci sarebbero piu necessità di adattamento..i miei nonni andavano col sole mai con l'orologio..un abbraccio Graziana💛

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi purtroppo le lancette le abbiamo radicate anche dentro di noi in virtù dei condizionamenti esterni. Assaporo però l'assenza dell'orologio quando lavoro immersa nei campi.
      Grazie Ness1, un abbraccio anche a te!

      Elimina
  4. Con l'ora legale solo disagi e nessun risparmio energetico
    Un caro saluto
    Giorgio

    RispondiElimina
  5. L'Europa ha già richiamato l'Italia varie volte, per abolire questo cambio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero in una decisione. Grazie Cavaliere!

      Elimina
    2. Se la decisione è sovranazionale non penso si possa dissentire, almeno credo.

      Elimina
  6. Da anni vivo in paesi dove non c'è il cambio dell'ora e non ne sento la mancanza. Certo, le sere sono più corte ma dopo sette anni ci abbiamo fatto l'abitudine.
    Ciao Graziana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara. Buoni giorni pasquali. Un abbraccio.

      Elimina
  7. Sono con te Graziana, basta di queste serate che non finiscono mai. Bello anche il buio e il cielo stellato poi quanto risparmiamo? Il tempo di buttarli nei tamponi che non servono a nulla a livello nazionale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea. Quello che mi dico: la luce è sempre luce indipendendemente dalle lancette. Tamponi? Validità 2 giorni si dice, mah... Denaro nostro

      Elimina
  8. strano che non abbiano indetto un referendum. Anch'io averi vorate per l'ora solare, un vero disastro per le mie attività.
    A sera alle 22 con il sole alto si chiude casa e ci ritiriamo al mattino sveglia all'alba...

    RispondiElimina
  9. Bisogna adattarsi. Spesso si ci riesce alcune volte no.
    Un abbraccio Graziana
    Maurizio

    RispondiElimina