avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


sabato 31 dicembre 2016

Prospero anno di Felicità!


Faccio mio l'augurio di un'amica di rete e ve lo giro:
"... trovare il modo di vivere ogni vostro giorno, ogni vostra ora, come un meraviglioso dono.
Qualunque cosa accada."
Che sia questa la chiave della felicità?

giovedì 29 dicembre 2016

Il GGG Il Grande Gigante Gentile


Ieri sera, ore 22.40 circa, mentre mi dirigo in camera, sento il bip del Messenger al telefono; curiosa attivo la lettura e ...
Un'alunna di due cicli fa, prossima alla maturità classica, mi scrive:
-Maestra oggi, mentre passeggiavo, ho visto un manifesto pubblicitario: Il GGG, la proiezione del film del Grande Gigante Gentile! Un tuffo nel passato ... Un bellissimo ricordo della mia infanzia. Che bello sarebbe ritornare in quegli anni ...Le voglio un bene immenso, grazie per avermi regalato ricordi magnifici!

L'emozione è incontenibile ...

Un tuffo nel passato anche per me. Ricordi magnifici anche per me.
Eravamo in quarta. Io ed ariel53, una carissima collega di rete di Vibo Valentia (Calabria), decidemmo di leggere il libro di Roald Dhal nelle rispettive classi parallele.
Quindi aprimmo un blog nella piattaforma del MIUR, dal titolo "PescaraViboBlog - Il Grande Gigante Gentile". Peccato che non esista più la piattaforma, né le tracce della nostra favolosa esperienza.

Settimanalmente, lavoro pionieristico per quei tempi, nell'ora di informatica i nostri alunni si incontravano per condividere emozioni, disegni, riflessioni, studio, nella gioia dell'incontro non sensoriale, non in ossa e ciccia. Sorvolo sulla proficua ricaduta didattica che si può immaginare; sullo stupore, la gioia, la motivazione alle stelle, il piacere della lettura... E torno al nostro dialogo.

-Sai una cosa? Mi stai facendo pensare che riproporrò quel libro ai miei attuali alunni.

-Veramente?!?! Allora, come rientriamo a scuola, in qualche ora buca verrò in classe ... magari, se ne parlerà una vecchia alunna, saranno più spinti a leggerlo!



- Maestra ... sarebbe carino andarlo a vedere insieme ....
- Perché no ... Quando inizia la proiezione?
- Controllo subito!
- Non fa nulla, se non lo sai ... Non cercare ora ...
- Dal primo di gennaio!!!!
Mi prefiguro un appuntamento all'Arca... :-) Sorrido divertita, mi basta l'idea.

Addio sonno ... L'emozione me lo ha spazzato via. Ma ne sono felice! Resto a lungo a vagare nei ricordi. Che bel regalo, però ... E che soddisfazione .... Fiera di esercitare il mestiere più bello del mondo!

Roald Dhal: autore di narrativa per ragazzi. Ebbe un'infanzia triste, vissuta in solitudine; quando divenne scrittore perseguì un unico obiettivo: scrivere per bambini e ragazzi per infondere sempre una sana allegria.

mercoledì 28 dicembre 2016

Primavera dicembrina


Il mio terrazzo in fiore. I fiori inteneriscono il cuore.

Le violette sono fiorite da ottobre e proseguiranno fino a tarda primavera. Per trattenere la primavera acquistare le pansé in ottobre o a fine settembre. Preferire quelle piccole, resistenti anche alla neve (il venditore ambulante cui mi rivolgo le chiama cornutelle, lui sa il perché ... o forse volgarmente si chiamano proprio così).
Richiedono pochissima acqua e la primavera è garantita anche in pieno inverno!!

Ah ... Alcuni fiori al momento di sfiorire fruttificano rilasciando rivcadere una miriade di piccoli semi che a primavere danno origine a nuove piantine.

Natura prodigiosa...


Un'associazione: (S)fiorivano le viole

venerdì 23 dicembre 2016

Calendario dell'Avvento: Il focolare dell'anima.terza edizione

L'antivigilia : Tempo di attesa con "La squilla"

Apro la finestra numero 23 del Calendario dell'Avvento, ormai alla terza edizione, organizzato dalla carissima amica Sciarada del blog "Anima Mundi"





Siamo al 23 dicembre, l'antivigilia.
E'l'imbrunire; la cittadina pullula di un andirivieni concitato e festoso. Gli animi traboccano di gioia . Fra poco è Natale!
L'attesa si fa trepida e intensa, ci si riversa per le vie e le piazze; ci si incontra e ci si racconta. Ci si rivede tutti, è un appuntamento al quale non si può mancare; quelli che possono rientrano persino dall'estero. Questo è un momento di incontro fondamentale. Che Natale sarebbe nell'isolamento?
E' il preludio alla riconciliazione.
Sono ormai le 18.00. Ecco il rintocco veloce della torre civica, in processione ci si avvia verso la chiesetta della Iconicella, dove ci si raccoglie intorno alla celebrazione della messa incentrata sul tema dell'amicizia, della concordia  e della solidarietà. Il rintocco a distesa delle campane dei campanili delle altre chiese, accompagna i fedeli nelle proprie dimore, è il momento privato della riconciliazione; è il momento della processione domestica.
Si rende omaggio al più anziano della famiglia, quindi si dissipano eventuali dissapori, rancori e incomprensioni. Segue lo scambio dei doni e una preghiera per i parenti defunti.


Dopo l'intenso pomeriggio ci si riunisce intorno al desco imbandito a festa prenatalizia: di solito a base di baccalà, prelibatezze agricole e fritti tipici natalizi. Poi sarà un crescendo di festa e di tradizioni fino al Santo Natale.

Siamo a Lanciano, fiorente cittadina d'Abruzzo nella provincia di Chieti.
L'antivigilia, tra sacro e profano, è  tempo di attesa e di preparativi. E' recupero di atmosfere lontane, è immersione nelle fragranze, nei colori, nei sapori, nelle ricorsività.

E' un'usanza antica quella della Squilla, di quattro secoli, fondata dal vescovo Paolo Tasso della città. Il pellegrinaggio penitenziale alla chiesetta della Iconicella simboleggiava il viaggio di di Maria e Giuseppe. Quella pratica devozionale perdura fino ad oggi.
La cerimonia dei lancianesi sta per iniziare parallelamente al mio accostarmi alla tastiera. Sono in notevole ritardo impedita da improvvisi e improrogabili impegni. Mi scuso con tutti coloro che hanno trovato fino ad ora la finestrella del 23 ancora chiusa.



Ho rivissuto questa tradizione, nel pensiero, con il piccolo Alessandro e l'amica Ambra.



Un raggio di Luce a voi tutti per le ormai imminenti Festività con le parole di un augurio irlandese:

"Che la strada si alzi per venirti incontro,

che il vento soffi sempre alle tue spalle,

che il sole ti illumini e ti riscaldi

e la pioggia cada piano sui tuoi campi

fino al momento in cui ci ritroveremo,

e che Dio ti tenga lieve sul palmo della sua mano."


Come di consueto passo il testimone al blog "De qua e de là" di Elio.

martedì 13 dicembre 2016

Dicembre 2016

Mi sono impegnata a creare la magia dell'atmosfera natalizia. Ringrazio la Vita per poter vivere un nuovo Natale nel calore della Famiglia. Ma il velo grigio che ammanta il mio cuore non si vuole dissipare, malgrado le luci ...



Dopo la scomparsa delle persone care i Natali sono sempre un po' diversi ed è proprio questo periodo che sottolinea la loro mancanza. Il pensiero di chi è legato dai lacci della malattia e non può godere di questa gioia, o magari ne gode a suo modo, ma in modo non intellegibile ai miei occhi. L'elenco potrebbe continuare ... Sono moti dell'anima. Ma poi lo sguardo verso iil cielo terso, gli occhi innocenti dei miei meravigliosi alunni, la purezza dei loro pensieri lentamente mi fanno riprendere l'inno alla Vita. Che Natale sia!

giovedì 8 dicembre 2016

Rose rifiorenti e pungitopo per un abbraccio "naturale"


Civitella Casanova (PE). Le rose rifiorenti, un po' sofferte sicuramente, nuovamente sbocciate in questi giorni, nonostante il calo termico. Interrate da mia madre molti molti anni fa, poco curate, ma particolarmente vive e vegete. Poco distante un cespuglio di pungitopo, riprodotto per seme e interrato da me dieci anni fa, in occasione della morte di mio padre. Che dire ... E' una sintonia profonda, la "nostra" sintonia naturale. Buona Festa dell'Immacolata!