avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


domenica 29 maggio 2016

Cara lumachina ingorda

trovo le tue tracce umide sul cuscino non più compatto di minisurfinie sul davanzale.
Voglio salvarti la vita ed evitare il veleno alla mia piantina. Ma stasera, al fresco, in sostituzione degli odorosi petali rossi, troverai un cactus spinoso. Ti è venuto a noia il prato condominiale, vero?

sabato 28 maggio 2016

Lavoro notturno

alleviato dal profumo intenso di gelsomino e da da questo meraviglioso pezzo di Guccini reso unico dall'interpretazione della voce inimitabile del grande Augusto DAolio.
.


Chi è desto e passa di qui può condividere il mio ascolto. Serena notte.

mercoledì 25 maggio 2016

Splendente ligustro in fiore

in un'indecisa giornata di maggio.

Basta uscire sul terrazzo e bearsi di questo miracolo per ricacciare indietro la stanchezza.

venerdì 20 maggio 2016

Addio Marco!

Tutti scriveranno di te e sarai elogiato e onorato più di quanto non sia stato in vita.

Due parole di commiato:ti seguo dagli anni '70 e ti ho sempre considerato come la figura dell'uomo politico per antonomasia, anche se non sempre e non tutto ho condiviso. Magari prendessero esempio da te ....

Onestà, coerenza, rigore, non violenza, ardore, passione.
Chi dei tuoi colleghi può vantare simili attributi?

domenica 8 maggio 2016

'A Mamma

Chi tene 'a mamma

è ricche e nun 'o sape;
chi tene 'a mamma
è felice e nun ll'apprezza
Pecchè ll'ammore 'e mamma
è 'na ricchezza
è comme 'o mare
ca nun fernesce maje.
Pure ll'ommo cchù triste e malamente
è ancora bbuono si vò bbene 'a mamma
'A mamma tutto te dà,
niente te cerca
E si te vede chiagnere
senza sapé 'o pecché...
Te stregne 'mpietto
e chiagne 'nsieme a te!

Salvatore Di Giacomo
Dedicata a tutti i figli che ancora hanno la possibilità di abbracciare la loro madre. Penso che la traduzione in italiano rovinerebbe la freschezza di questi versi. E poi, la lingua napoletana ha un qualcosa di universale che la rende intellegibile ad ogni latitudine.

domenica 1 maggio 2016

La mia preghiera laica del primo maggio


LA TRADUZIONE IN ITALIANO
Non ti chiedo né miracoli né visioni
ma solo la forza necessaria per questo giorno!
Rendimi attento e inventivo per scegliere
al momento giusto
le conoscenze ed esperienze
che mi toccano particolarmente.
Rendi più consapevoli le mie scelte
nell’uso del mio tempo.
Donami di capire ciò che è essenziale
e ciò che è soltanto secondario.
Io ti chiedo la forza, l’autocontrollo e la misura:
che non mi lasci, semplicemente,
portare dalla vita
ma organizzi con sapienza
lo svolgimento della giornata.
Aiutami a far fronte,
il meglio possibile,
all’immediato
e a riconoscere l’ora presente
come la più importante.
Dammi di riconoscere
con lucidità
che le difficoltà e i fallimenti
che accompagnano la vita
sono occasione di crescita e maturazione.
Fa’ di me un uomo capace di raggiungere
coloro che hanno perso la speranza.
E dammi non quello che io desidero
ma solo ciò di cui ho davvero bisogno.
Signore, insegnami l’arte dei piccoli passi.
LA VERSIONE ORIGINALE
Seigneur, apprends-moi l’art des petits pas.
Je ne demande pas de miracles ni de visions,
Mais je demande la force pour le quotidien !
Rends-moi attentif et inventif pour saisir
Au bon moment les connaissances et expériences
Qui me touchent particulièrement.
Affermis mes choix
Dans la répartition de mon temps.
Donne-moi de sentir ce qui est essentiel
Et ce qui est secondaire.
Je demande la force, la maîtrise de soi et la mesure,
Que je ne me laisse pas emporter par la vie,
Mais que j’organise avec sagesse
Le déroulement de la journée.
Aide-moi à faire face aussi bien que possible
A l’immédiat et à reconnaître l’heure présente
Comme la plus importante.
Donne-moi de reconnaître avec lucidité
Que la vie s’accompagne de difficultés, d’échecs,
Qui sont occasions de croître et de mûrir.
Fais de moi un homme capable de rejoindre
Ceux qui gisent au fond.
Donne-moi non pas ce que je souhaite,
Mais ce dont j’ai besoin.
Apprends-moi l’art des petits pas!

Antoine de Saint-Exupéry