avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


lunedì 18 aprile 2016

Amarezza

"Hanno vinto i lavoratori"?

Non penso proprio.
 
I lavoratori avrebbero continuato comunque a lavorare il 18 aprile.

Hanno vinto l'indifferenza e le compagnie estrattive..

Ha vinto l'invito all'astensionismo

Hanno perso la democrazia e il mio caro povero mare

Mi rendo conto che la questione è complessa, ma il mio pensiero personale liberamente veleggia così,

domenica 17 aprile 2016

Io vado a votare

Io vado a votare





















Prima di tutto io vado a votare. Dico la mia. Il referendum è una forma di democrazia dretta in cui il cittadino agisce legislativamente senza alcuna intermediazione. I padri costituenti hanno pensato di dare occasionalmente e per motivi particolari potere decisionale diretto al popolo.

Il singolo cittadino può volontariamente  rinunciare a questo diritto; ma che siano gli esponenti della res publica ad esortare al non voto a me sembra semplicemente antidemocratico e anticostituzionale. E comunque il Testo Unico recita così (e non mi pare sia stato abrogato, lire a parte):
 Il pubblico ufficiale, l'incaricato di un pubblico servizio, l'esercente di un servizio di pubblica necessità, il ministro di qualsiasi culto, chiunque investito di un pubblico potere o funzione civile o militare, abusando delle proprie attribuzioni e nell'esercizio di esse, si adopera a costringere gli elettori a firmare una dichiarazione di presentazione di candidati od a vincolare i suffragi degli elettori a favore od in pregiudizio di determinate liste o di determinati candidati o ad indurli all'astensione, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da lire 600.000 a lire 4.000.000 "
(Testo Unico Legge Elettorale - Titolo VII - Art. 98)

Io voto e voto SI'.

- Il mio SI' è prima di tutto una risposta etica in difesa del nostro mare oltraggiato dalle varie forme di sfruttamento perpetrate oltre ogni limite accettabile.
- Il mio SI' intende persuadere governanti e legislatori a pensare in termini di energia alternativa e rinnovabile, oltreché in termini di risparmio energetico.
- Il mio NO lascerebbe alle  compagnie estrattive ogni decisione circa l'esaurimento del giacimento, i tempi estrattivi, il lasciare indefinitamente le piattaforme in mare senza alcun controllo di organi terzi

Non sei d'accordo con me? Allora vota NO, ma vai a votare!