avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


domenica 11 gennaio 2015

Nel nome della Libertà

Io nella vita quotidiana, quella di ordinaria amministrazione, dico che NON sono Charlie Hebdo, come NON sono Forattini, e NON sono tanti altri; molto semplicemente perché le vignette satiriche a me non divertono.

Ma oggi 


IO SONO CHARLIE HEBDO

perché la LIBERTA' DI ESPRESSIONE, segno di Civiltà, non può venir meno. Anche oggi, come già fatto per un argomento molto più leggero, in questo post , dico più che mai con Voltaire

"Io combatto la tua idea, che è diversa dalla mia, ma sono pronto a battermi fino al prezzo della mia vita, perché tu, la tua idea, possa esprimerla liberamente" 

















martedì 6 gennaio 2015

La Cometa






















Giotto: Cappella degli Scrovegni - Padova - Adorazione dei Magi.

Su questa scarna grotta si stagliano i luminosi personaggi e nel blu intenso del firmamento un astro si posa sulla grotta di Betlemme: è la stella cometa.

Giotto fu il primo a rappresentare la cometa nel mondo dell'arte e non la disegna come la classica stella a cinque punte seguita da una scia luminosa; l'elemento incandescente posato sulla grotta sembrerebbe un astro vero e proprio.

La data di composizione dell'affresco risale è il 1305; quattro anni successivi al passaggio della cometa di Halley che secondo gli astrofisici avvenne nel 1301.

Che Giotto ne abbia conservato il ricordo?

Se così fosse, Giotto ha voluto impremerle il suo messaggio di Pace.

Con l'augurio che noi tutti possiamo trovare la nostra stella e seguirla incessantemente nel nostro Cammino di Pace.

Buona Epifania a tutti

lunedì 5 gennaio 2015

Addio Pino!



 L' ho sempre ascoltato con piacere per le sue caratteristiche vocali particolari; col suo "falsetto naturale" tale anche nel parlato. La sua musica mi ha accompagnata nel corso della mia giovinezza con i suoi contenuti sempre autentici, sempre con discrezione e senza invadenza. Addio Pino! Ci mancherai tantissimo, ma tu resterai cu' mmé.

Te ne sei andato di gennaio, come la maggior parte di coloro che se ne vanno improvvisamente nel mese del freddo, dopo Capodanno.
Non è una generalizzazione, ma nel corso della mia vita ho sempre notato questa ricorsività nel mondo della vita pubblica come in quella privata.