avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


lunedì 31 dicembre 2012

Sia instancabile e sereno Cammino ..

Sia sempre Luce sul tuo Cammino!
.. nonostante vie e sentieri impervi.

"La nostra vita è il cammino di un pellegrino. Una volta ho visto un bellissimo quadro: era un paesaggio alla sera. In distanza sul lato destro una fila di colline appariva azzurra nella leggera nebbia della sera. Su quelle colline lo splendore del tramonto, le nuvole grigie con i loro orli d' argent, d' oro e di porpora. Il paesaggio è una pianura o una landa coperta di erba e di foglie gialle perché era autunno.Attraverso il paesaggio una strada porta ad un' alta montagna, lontana, molto lontana, sulla cima di quella montagna c' è una città su cui il sole tramonta glorioso. Sulla strada cammina un pellegrino, qualcosa in mano.. Ha camminato per molto tempo ed è molto stanco. E ora incontra una donna , o una figura in nero che fa pensare alla parola di San Paolo:-come essere colmi di pena eppure gioire sempre-. Quell' Angelo di Dio è stato messo là per incoraggiare i pellegrini e rispondere alle loro domande e il pellegrino chiede:

  -La strada va su per la collina tutto il tempo?
E la risposta è: -Si, fino alla fine”.
E lui chiede di nuovo: -E il cammino durerà tutto il giorno?”.
E la risposta è: -Dalla mattina alla sera amico mio”.
E il pellegrino va avanti colmo di pena eppure sempre gioendo; pieno di pena perché è così lontano e la strada così lunga. Pieno di speranza mentre guarda su verso la città eterna, lontana, risplendente nella luce della sera e pensa a due antichi detti che ha sentito tanto tempo fa – uno è:
Molta lotta deve essere combattuta
Molta sofferenza deve essere sofferta
Molte preghiere devono essere pregate
E allora la fine sarà pace.  ..."

Sermone domenicale sul Salmo 119, 19,durante la sua prima predica, tenuta in Inghilterra all'età di 23 anni da Vincent Van Gogh

mercoledì 26 dicembre 2012

I miei auguri







A tutti voi amici e passanti, dedico le parole di un augurio irlandese:

"Che la strada si alzi per venirti incontro,

che il vento soffi sempre alle tue spalle,

che il sole ti illumini e ti riscaldi

e la pioggia cada piano sui tuoi campi

fino al momento in cui ci ritroveremo,

e che Dio ti tenga lieve sul palmo della sua mano."

domenica 23 dicembre 2012