avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


venerdì 25 maggio 2012

Il corpo in cui dimoro

"Il nostro corpo è la nostra casa, essere a disagio con il proprio corpo è un sintomo di misconoscenza di se stessi, di non accettazione, di bassa autostima e complessi d'inferiorità. Se poi invece di confrontarci con noi stessi mettiamo il nostro corpo in confronto con lo standard sociale allora vivremo in conflitto (perchè sono grasso, perchè ho poche tette, perchè ho le o orecchie a sventola, perchè...ecc). E' brutto vivere in una casa dove si sta a disagio quando quella casa è il tuo stesso corpo.
Innanzi tutto il corpo essendo la tua casa la devi tenere PULITA. Le ossa sono le colonne, vanno fortificate. I mattoni sono le proteine, quindi alimentati bene. I condotti fognari le ghiandole linfatiche, non stressarti altrimenti ti otturi. Le sue mura sono i muscoli, curali rassodali con esercizio equilibrato. L'impianto idraulico sono i liquidi che somministri e il sangue, quindi le finestre l'aria che prendi (fumo, liquori non fanno che sporcarla); l'impianto elettrico è il tuo sistema nervoso che si cura con attitudine sempre POSITIVA. La tua pelle è l'intonato va curato. Il cervello è il balcone, quindi ha bisogno di spazio, cultura, altezza. Il cuore la tua stanza quindi armonia quiete e gioia vi devono regnare per dormire e rilassarsi sempre. Gli organi sessuali un giardino, curalo vi si può fare un parco giochi, un barbecue, un pisolino... e non dimenticare la cantina dell'inconscio!"  Yin-Yang ( Tao 道 )


Fonte: Facebook
 http://www.facebook.com/photo.php?fbid=391189134252316&set=a.374827025888527.75146.304317652939465&type=1&theater

Troppo bello :)


mercoledì 16 maggio 2012

"Mi dica, ...

... in coscienza, lei può considerare veramente libero un uomo che ha fame, che è nella miseria, che non ha lavoro, che è umiliato perché non sa come mantenere i suoi figli ed educarli?
Questo non è un uomo libero.
Sarà libero di bestemmiare, di imprecare, ma questa non è libertà.
La libertà senza giustizia sociale è una conquista vana." 

sabato 12 maggio 2012

All' ingresso del supermercato ...

... - Signora, giusto una semplice informazione ... potrebbe essere interessata ai guanciali e ai materassi di lattice :-?
- Veramente no ... ho da pochi anni cambiato casa e rinnovato i materassi e i guanciali  con  alcuni mobili, quindi dovrei ancora utilizzare quello che ho ...
- Ad ogni buon fine, giusto qualche info e poi potremmo lasciarle un coupon e un buono spesa ... Vorrei precisare che non ci sono altri intermediari ...

Il supermercato è quasi in chiusura, ma le signore hanno un savoir faire particolare, un bon ton che mi trattiene, e mi pare che anche loro, sebbene io abbia esplicitamente dichiarato di non essere una probabile acquirente, s' intrattengono volentieri a illustrarmi il loro rapporto di lavoro, la formazione ricorrente cui sono sottoposte ... Infine:

- Con chi abbiamo avuto il piacere di parlare?
- Graziana Tocco :-) ; io non ricordo il loro nome: sono sempre disattenta alle presentazioni.
Intanto scrivono il mio sul buono sconto, ci stringiamo la mano, poi ...

- Posso soddisfare una curiosità personale?
- Certo ...
- Le è un' insegnante?
- Sì ... Mi perdoni ... Ma da cosa lo ha capito? :)
- Mah...Così ... A pelle.... Lo sguardo, il sorriso; l' atteggiamento di apertura, l' ascolto ... Mi ricorda l' idea del vecchio pedagogista ... anzi dell' antico pedagogista ... quello alla Socrate ... il rapporto interlocutorio di chi è sempre in apprendimento e ... E poi, c' è qualcosa nella cura del suo abbigliamento che me lo conferma...
" La cura dell' abbigliamento??? Gonna jeans e maglietta blu, collana verde intervallata con perle bianche, rosa, bordeaux?!?"
- Quella collana, per esempio, sembra avere una storia ... E' un po' che la guardo ...
- Sì, acquistata a Noto un bel po' di anni fa, ma recentemente una collega con l' hobby della creazione dei gioielli, si è offerta di rinnovarmela, introducendo queste note di colore che ne esaltano il verde tenue originario.
- Be', porti i miei complimenti alla collega; ci sono belle persone nella scuola ... E' stato davvero un piacere ...

- AVVISIAMO LA GENTILE CLIENTELA CHE TRA CINQUE MINUTI IL SUPERMERCATO CHIUDE; SOLLECITIAMO I CLIENTI NEGLI ACQUISTI, GRAZIE!

Basta così poco per vivacizzare la routine quotidiana .... Le parole della promoter mi hanno riscaldato il cuore ...