avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


domenica 25 luglio 2010

Dello stupore


































                                                                                                                                                                                                      René Descartes - ritratto di Franz Hals

Jean Domat - ritratto di Blaise Pascal (non mi è consentito linkare l' immagine)

Il ritratto, evocatore di interiorità: Cartesio, museo del Louvre e Pascal uscito dalla matita di Domat, per ornare un volume della sua biblioteca.

Entrambi, pupille dilatate: segno dello stupore, della meraviglia; la molla che spinge a indagare, approfondire, scavare tra le pieghe dell' ignoto. Per vie diverse, entrambi convinti che l' amirazione sia quell' apertura piena di interesse verso quel tratto di realtà che ha cominciato ad abitare dentro la nostra persona.

Nel ritratto i due pensatori esprimono attraverso il loro sguardo, l' iniziale distacco, che non è assolutamente indifferenza, ma quel quid di meraviglia che è il primo passo verso la scoperta, la ricerca, senza il quale non si innescano gli ulteriori processi conoscitivi.

L' ammirazione è dunque la prima forma di conoscenza, il primo elemento di interazione tra me e l' altro da me, qualunque sia l' entità di questo altro.


E' un' angolazione di lettura che conferma quanto un educatore ha sempre constatato: prescindendo da questo momento di attivazione emotiva, non ci sarà apprendimento, ma solo imparaticcio destinato all' oblio.