avviso

Alcune immagini contenute in questo blog sono state reperite dalla rete, ove non espressamente indicato il diritto di autore.
Tuttavia, se qualcuno rivendicasse diritti di proprietà, può segnalarlo al mio indirizzo e-mail: provvederei alla immediata rimozione delle immagini stesse.
Lo scorpioncino a destra è stato disegnato da Nicoletta Costa dalla quale ho avuto autorizzazione alla pubblicazione.


giovedì 27 marzo 2008

...a te! - lorenzo cherubini



Conobbi Jovanotti all' inizio della sua carriera, quando era ancora un DJ; aspettavo da poco il mio terzo figlio (Alessia); pertanto in qualche modo Lorenzo fa parte delle colonne sonore della mia vita.
L'ho visto crescere artisticamente e, in sordina, anche nel suo privato.
Ho diffuso alcuni suoi testi fra i miei alunni per imparare il rap, per discutere di alcuni messaggi, per fare da sfondo alle recite (In particolare "Per te" fece da sfondo al lungo sonno della Bella addortmentata nel bosco. Questo, l' ultimo tassello... Semplicemente splendido!


A te che sei l’unica al mondo
L’unica ragione per arrivare fino in fondo
Ad ogni mio respiro
Quando ti guardo
Dopo un giorno pieno di parole
Senza che tu mi dica niente
Tutto si fa chiaro
A te che mi hai trovato
All’ angolo coi pugni chiusi
Con le mie spalle contro il muro
Pronto a difendermi
Con gli occhi bassi
Stavo in fila
Con i disillusi
Tu mi hai raccolto come un gatto
E mi hai portato con te
A te io canto una canzone
Perché non ho altro
Niente di meglio da offrirti
Di tutto quello che ho
Prendi il mio tempo
E la magia
Che con un solo salto
Ci fa volare dentro all’aria
Come bollicine
A te che sei
Semplicemente sei
Sostanza dei giorni miei
Sostanza dei giorni miei
A te che sei il mio grande amore
Ed il mio amore grande
A te che hai preso la mia vita
E ne hai fatto molto di più
A te che hai dato senso al tempo
Senza misurarlo
A te che sei il mio amore grande
Ed il mio grande amore
A te che io
Ti ho visto piangere nella mia mano
Fragile che potevo ucciderti
Stringendoti un po’
E poi ti ho visto
Con la forza di un aeroplano
Prendere in mano la tua vita
E trascinarla in salvo
A te che mi hai insegnato i sogni
E l’arte dell’avventura
A te che credi nel coraggio
E anche nella paura
A te che sei la miglior cosa
Che mi sia successa
A te che cambi tutti i giorni
E resti sempre la stessa
A te che sei
Semplicemente sei
Sostanza dei giorni miei
Sostanza dei sogni miei
A te che sei
Essenzialmente sei
Sostanza dei sogni miei
Sostanza dei giorni miei
A te che non ti piaci mai
E sei una meraviglia
Le forze della natura si concentrano in te
Che sei una roccia sei una pianta sei un uragano
Sei l’orizzonte che mi accoglie quando mi allontano
A te che sei l’unica amica
Che io posso avere
L’unico amore che vorrei
Se io non ti avessi con me
a te che hai reso la mia vita bella da morire, che riesci a render la fatica un' immenso piacere,
a te che sei il mio grande amore ed il mio amore grande,
a te che hai preso la mia vita e ne hai fatto molto di più,
a te che hai dato senso al tempo senza misurarlo,
a te che sei il mio amore grande ed il mio grande amore,
a te che sei, semplicemente sei, sostanza dei giorni miei, sostanza dei sogni miei...
e a te che sei, semplicemente sei, compagna dei giorni miei...sostanza dei sogni..

domenica 16 marzo 2008

Tornata alla normalità ... si spera

Che bello respirare, avere la voce di sempre, muoversi senza oppressione.
Sì, ho avuto una bruttissima bronchite che ancora mi costringe a dormire seduta in poltrona, per le costole doloranti...

Come 25 anni fa, quando mi ammalai di placche alla gola...

In entrambi i casi, una forma resistente agli antibiotici. Le punture mi stanno guarendo. Ma questa volta è stato terribile, perché andavo peggiorando nonostante le cure e non sono stata presa sul serio dal medico che forse mi ha considerato semplicemente una lagnosa paziente impaziente ...
Venticinque anni fa, avevo ancora il mio straordinario medico di famiglia che mi seguiva dall' età dei due anni; Egli prima di tutto stabiliva un rapporto di empatia; altro che scribacchino burocrate ...

Quando studiai Karl Popper la prima volta, questi sosteneva, a proposito della falsificabilità di qualunque teoria, che è vera fino prova contraria:
- Quale medico non rivedrebbe la sua congettura, se questa mancanza comporterebbe la morte del suo paziente?
Alla faccia ...

Comunque, non avevo mai considerato l' importanza vitale del respiro: tutto scontato quando ce l' hai a portata di mano. Com' è importante salvaguardare la propria salute, prevenire ciò che è possibile, dono troppo bello...

giovedì 13 marzo 2008

Il solito sesso

Non ho seguito Sanremo in verità. Sono anni che mi astengo, ma ammetto che questa canzone è piacevolissima e piena di garbo . Max Gazzé non si smentisce.

sabato 8 marzo 2008

8 marzo

Uno stupendo pensiero inviato dal collega alelezzi nel forum intervallo
(Master Garamond prima edizione) che ricordo praticamente a memoria...Spero non me ne voglia per questa pubblicazione...

"A tutte le donne, fuori da ogni retorica,
non solo perchè nostre sorelle, madri, mogli, figlie ...
soprattutto a quelle donne cui la vita o la stupidità umana ha sempre negato d'esserlo con la D maiuscola o, talvolta, anche con la d minuscola.

A quelle donne che ci insegnano, che ci amano, che ci fanno nascere o anche soffrire ...
alle donne cui la storia ha sottratto ogni diritto per beffarle e soppraffarle con ogni sorta di dovere ...

Alle donne che piangono, lapidate, infibulate, stuprate da uomini che dimenticano da chi sono stati generati ...

fatevi valere, siamo con Voi, viviamo per Voi, con Voi ..."

mercoledì 5 marzo 2008

5 marzo ... driiiiiiiiiiiiiiin!





...Che bello essere svegliati dal trillo della sveglia!...Finalmente una notte di sonno! Interrotto una sola volta alle 3.30, ma subitpo ripreso ... Mi sento riposata, pronta per la lunga giornata che mi attende!! La lascio suonare a lungo, quasi a scaricare le sue energie!

Di là è buio, non sento Alessia che all' alba è alle prese con la marea di compiti che non riesce a finire il pomeriggio. Non mi alzo per offrirle il ricco caffé di sempre, rimango qualche minuto a pensare che starà beatamente dormendo, in una bella stanza tripla con le sue compagne...a Barcellona.
Mi precipito al cellulare: eravamo d' accordo che ci saremmo scritte un messaggio dopo l' atterraggio. C' è solo il mio ... senza risposta. Vado al Messenger ...Non si sa mai....Nulla...Non mi adiro e non mi preoccupo ... sono felice per lei che dorme beatamente e per la bella vacanza scolastica che le abbiamo regalato :-)

Terribile avere disturbi del sonno ...
Soprattutto per chi il sonno è un alleato di sempre: il rigeneratore di energie, il riequilibratore nelle preoccupazioni. Già ... ma che dico? Bella scoperta ... Questo vale per tutti.

Ma per me, vale in particolare.
Basta pensare che è difficilissimo che io ricordi un sogno, in quanto dormo come un sasso, passo dal sonno rem al risveglio senza mezzi termini e, dormo almeno sei ore. Ho bisogno di dormire presto, prima della mezzanotte; non bastano per me il numero delle ore di sonno, ma è indispensabile che siano quelle ore: 10.30/11.00 - 5.00/5.30.

E ora che è successo? Dal 9 gennaio ho disturbi del sonno. Ricordo che nel corso della vita ho avuto periodi del genere, anche da ragazza. Quasi sempre durante periodi di crisi e riflessioni esistenziali intensissime.
Ma, ora che la personalità si è piuttosto placata, perché mai questo disturbo?
Numerose concause che devo rimuovere immediatamente.
Prima fra tutte: il sovrappeso. Con l' età il metabolismo è cambiato: non solo la quantità è fondamentale, ma anche la qualità dei cibi; cose che conosco molto bene, ma che non ho voglia di mettere in pratica. Ho idea di avere crisi di apnea notturna dalle quali mi sveglio di soprassalto con una sorta di panico e ... Addio sonno.

Altra concausa: mi sono imbarcata in situazioni più grandi di me ovvero più grandi della loro realizzabilità e questo mi sta togliendo sonno e pace ... che fare??? Mandare tutto a p.....e?
Manco per sogno. Devo ridefinire il mio tempo. Le giornate snocciolano via con i loro impegni, inesorabilmente. Eppure sto tempo devo trovarlo, per forza, avantaggio del mio sonno e della mia pace.